la tragedia e la speranza

Donna di Latina muore a 60 anni, prelievo multiorgano al Goretti

Donati cuore, reni e fegato. Due organi sono stati destinati a situazioni di emergenza

LATINA – Una donna di 60 di Latina ricoverata da alcuni giorni al Goretti, in condizioni molto gravi a causa di un’ emorragia cerebrale con lesioni encefaliche irreversibili, salverà la vita di quattro pazienti in attesa di trapianto. I familiari una volta dichiarata la morte cerebrale della donna, hanno infatti immediatamente acconsentito all’espianto degli organi che è stato eseguito oggi ad opera di quattro diverse equipe esterne con la collaborazione di vari servizi dell’ospedale.

Cuore, fegato e i due reni sono stati destinati a quattro diversi centri trapianti, tra del Lazio e uno del nord Italia. “Il cuore e il fegato – spiega il direttore del presidio ospedaliero Sergio Parrocchia – sono andati per emergenze nazionali, si tratta di casi di estrama urgenza che hanno una procedura a parte diretta; i reni invece a pazienti in lista d’attesa”.

Un segno di speranza in una situazione tragica. “Anche in questa situazione di grande emergenza di carattere internazionale, le manifestazioni di sensibilità e di generosità non mancano, così come non manca l’impegno di tutta la struttura che si prodiga perché tutto funzioni al meglio come  ci riconoscono i centri trapianti”.

Tanti i servizi ospedalieri coinvolti: dalla Rianimazione dove era ricoverata la donna, alla Sala operatoria, al Laboratorio Analisi, alla Radiologia, Anatomia Patologica e Farmacia.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto