cronaca

Il Lazio torna in zona arancione, riaprono le attività, ma non tutte

A Roma oggi pomeriggio la manifestazione dei commercianti #ioapro

LATINA – Da oggi il Lazio torna in zona arancione dopo le chiusure delle festività pasquali. Potranno riaprire i negozi, mentre per bar e ristoranti sarà possibile lavorare ancora solo per asporto e consegne a domicilio. In zona arancione sarà possibile muoversi nel proprio comune, tra le 5 e le 22, mentre gli spostamenti verso altri comuni o regioni sono consentiti solo per le note tre motivazioni: comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. E’ consentito il rientro nella propria residenza, domicilio o abitazione, così come è possibile andare nelle seconde case sia all’interno che fuori la regione.

Sono ancora sospese le attività di servizi di ristorazione all’interno dei locali (tra cui bar, ristornati, gelaterie e pasticcerie); l’asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze dei locali, è concesso fino alle 22, ridotto fino alle 18 per bar e altri esercizi simili senza cucina, mentre è sempre consentita la consegna a domicilio. Ed è anche per questo che oggi a Roma si terrà una manifestazione dei commercianti, ultima tappa del tour #ioapro, proprio per chiedere al governo la possibilità di riaprire con tutte le accortezze del caso.

Riaprono invece i negozi e le attività, compresi anche estetisti e parrucchieri; le attività dovranno restare chiuse nei giorni festivi e prefestivi nei centri commerciali dove rimangono aperti solo farmacie e parafarmacie, presidi sanitari, lavanderie, tintorie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie.

Restano chiuse invece fino al 30 aprile palestre e piscine. Sarà consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 2 metri per l’attività sportiva, salvo che sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o per le persone non completamente autosufficienti. E’ consentito recarsi presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, del proprio comune o, in assenza di tali strutture, in comuni limitrofi, per svolgere esclusivamente all’aperto attività sportiva di base. E’ interdetto l’uso di spogliatoi interni nei circoli.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto