indici in calo

Lazio in zona gialla da lunedì 26 aprile, Zingaretti: “Riapriamo, ma non al covid”

Rt a 0,78 , calo del numero dei nuovi focolai e dell'incidenza. Resta la pressione ospedaliera

LATINADa lunedì 26 aprile torniamo di nuovo in zona gialla“. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ufficializzando quando già indicato dai dati: indice Rt  sotto 1, a 0,78 , il  calo del numero dei nuovi focolai, la discesa di 5 punti del tasso di occupazione dei posti letto sia in terapia intensiva sia in area medica covid, anche se entrambi ancora sopra soglia di allerta, e  l’incidenza in calo a 140 per 100 mila abitanti. Resta invece la pressione sugli ospedali.

“Bene, il Lazio è una delle Regioni rimaste per più tempo in giallo – ha proseguito il Presidente della Regione –  Un altro risultato della nostra comunità che ora non deve più chiudere. Riapriamo ma non al covid, e riprendiamoci la vita. Abbiamo una missione: vaccinare e riaccendere l’economia e il lavoro. Ora stringiamo i denti per non richiudere più: serve la collaborazione di tutti. Soldi per sostenere l’economia, vaccini per bloccare il virus, responsabilità nel seguire le regole e limitare la curva del contagio. Grazie alla responsabilità vinceremo noi, non il virus”.

VACCINAZIONI – Un dato che arriva anche grazie alla campagna vaccinale che procede spedita: ieri nella Asl di Latina numero record di vaccinazioni sono state circa 2500, 35mila a livello regionale. Sono cominciate ieri e proseguono oggi in via Aspromonte le somministrazioni al personale carcerario e detenuti, esclusi invece gli amministrativi degli istituti di pena. Nel Lazio  – ha detto l’assessore regionale alla sanità D’Amato – un cittadino su  quattro ha già ricevuto una dose di vaccino contro il Covid, contiamo entro metà agosto, vaccini permettendo,  di aver vaccinato quattro milioni di persone che sono la popolazione target”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto