sport

Esordio amaro per la Top Volley Cisterna, contro Padova finisce 1 – 3

Niente da fare al Palasport per i ragazzi di mister Soli

CISTERNA – Esordio casalingo amaro per la Top Volley che torna a giocare in presenza di pubblico al Palasport di Cisterna. Un primo set giocato punto a punto fino al 6-6, poi Padova mette la freccia e supera Cisterna portandosi sull’8-6. I ragazzi di coach Soli si rifanno subito sotto ed è 9-9. La Kioene riprende coraggio e allunga fino al 13-10. Tre punti di vantaggio subito annullati dai pontini che trovano il pareggio 14-14. Cisterna in confusione e i veneti ne approfittano ed è 21-17, la rimonta riparte da Rinaldi che mette a terra il punto 18, ma Loeppky trascina i suoi fino alla conquista del set per 25-22. Nel secondo set Cisterna prova a reagire ed è avanti 8-6, ma Padova torna avanti 9-8. Cisterna sfortunata, gli avversari ne approfittano e si riportano in vantaggio 18-17. Baranowicz non ci sta e mette a terra il punto del pareggio 18-18. Sul 21-18 per la Kioene coach Soli sostituisce Szwarc dentro Raffaelli. Nulla da fare, secondo set ai veneti che vincono il parziale ancora 25-22. Terzo set Padova prende il largo, ma fino al 7-3, la reazione dei laziali è devastante ed è 14-9 per la Top Volley. Cuttini chiama time out e la squadra reagisce 18-18. Zingel preme forte sull’acceleratore, doppio muro su Bottolo ed è 25-19. La Top Volley vince il terzo set e riapre la partita. Quarto set punto a punto. I ragazzi di Cuttini riprendono le distanze e si portano sul 9-5. Soli richiama in campo Szwarc che si fa trovare pronto e trascina i compagni sul 9-9. Bottolo e compagni sono della partita, doppio muro vincente e Padova è avanti 17-14. I patavini conquistano il quarto set per 25-22 e portano a casa l’intera posta in palio.

“Una sconfitta che ci lascia l’amaro in bocca – commenta Tommaso Rinaldi – lo sapevamo che era una partita difficile, in alcuni momenti abbiamo fatto cose belle, dobbiamo tenere per le prossime partite e la parola chiave è la tranquillità di lavorare tutto il giorno e stare tutti insieme”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto