in via aspromonte

Latina, tumulto in carcere, intervengono polizia e carabinieri. Il Questore Spina: “Protesta non degenerata”

Circa 25 detenuti ammassati ad un cancello per un provvedimento disciplinare

LATINA – Ha richiesto l’intervento di polizia e carabinieri la protesta attuata da un gruppo di circa 25 detenuti nella tarda mattinata di oggi nel carcere di Via Aspromonte a Latina. E’ stata la direttrice della struttura a segnalare il tumulto e a chiamare le forze dell’ordine. Sul posto in supporto della polizia penitenziaria sono arrivate le Volanti  e personalmente il questore Michele Spina con il dirigente della Digos Walter Dian e il comandante provinciale dei carabinieri Lorenzo D’Aloia.

I detenuti – secondo quanto accertato – durante l’ora d’aria si sono radunati a ridosso di un cancello interno che si trova nello spazio all’aperto, cominciando una vibrante protesta contro un provvedimento disciplinare preso nei confronti di uno di loro e rifiutandosi di tornare nelle loro celle.

“Non ci sono stati danni, la manifestazione non è degenerata,  abbiamo garantito il nostro supporto immediato al direttore del carcere e resteremo attenti per scongiurare altre forme di protesta”, ha detto il questore Spina. “Importante l’intervento sinergico, i dispositivi che teniamo sempre in allerta in casi del genere hanno risposto in maniera repentina”, ha sottolineato D’Aloia.

 Le dichiarazioni del Questore Spina e del colonnello D’Aloia

“Alcuni detenuti – ha spiegato – hanno messo in subbuglio l’intero istituto del carcere di Latina rifiutandosi di di rientrare nelle proprie stanze di pernottamento. A tutt’ora non si conoscono i motivi, ma i detenuti hanno creato problemi di ordine e sicurezza dell’intero istituto e sono stati richiesti interventi di unità presso altre sedi della regione. Da quanto appendiamo – aggiunge – sono stati verbalmente aggrediti sia il direttore che il comandante del carcere e anche tutti gli operatori presenti intervenuti sul posto. Pare che situazione si ripeta da vari giorni e proprio ieri un detenuto era stato posto in partenza con urgenza”, ha detto Massimo Costantino, segretario generale della Cisl Fns Lazio.

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto