politica

Latina, commissioni consiliari: “L’avvocatura dà ragione al centrodestra”

Parlano Celentano, Cochi e Iavarone

“Il parere dell’avvocatura circa la composizione delle commissioni consiliari dà ragione al centrodestra e dimostra come il sindaco Coletta e la sua coalizione di sinistra abbiano messo in piedi un goffo e maldestro tentativo di ribaltare il risultato elettorale.
L’avvocatura ha messo nero su bianco che le commissioni consiliari vanno composte in proporzione alla consistenza dei gruppi consiliari e non dei rapporti tra schieramenti che si sono delineati in consiglio, come LBC e il resto della sedicente “maggioranza di programma” avrebbero voluto. Stavamo per assistere ad un autentico scippo della volontà popolare. Anche su Latina stava per accadere quello che succede ormai da anni in ambito nazionale, dove la sinistra non sa vincere le elezioni ma trova sempre sotterfugi e trame per poter governare.
Fortunatamente questo tentativo nel capoluogo pontino è stato fermato, ma sta costando alla città un ulteriore e prolungato immobilismo.
Sono trascorsi 4 mesi dalle elezioni, ma Coletta e la sua coalizione stanno tenendo in ostaggio la città, perdendo tempo alla ricerca di stratagemmi che permettano di puntellare una fragile maggioranza che fatica a stare in piedi.
Adesso auspichiamo che non ci siano più scuse: si formino immediatamente le commissioni, rispettando la volontà elettorale e si inizi ad amministrare. Ulteriori ritardi saranno la conferma che c’è una sola via di uscita a questo stallo: il ritorno al voto”. Lo dichiarano Matilde Celentano (capogruppo Fratelli d’Italia), Pina Cochi (coordinatrice comunale Lega) e Dino Iavarone (capogruppo Latina nel Cuore)

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto