la storia

Al Goretti di Latina l’abbraccio tra Nadia, dottoressa russa e Maria, profuga Ucraina malata

Nella Uoc di Ematologia l'incontro tra le due donne unite dal dolore comune per la guerra

LATINA – Si sono incontrate in ospedale al Goretti: Nadezda Zhdanovskaya, più semplicemente Nadia, russa, che nella foto indossa il camice bianco. Maria invece (nome di fantasia) è Ucraina e porta al polso l’orologio del marito. La prima, siberiana di nascita, ha 29 anni, è specializzanda alla Sapienza ed è arrivata nella Uoc di Ematologia dell’ospedale dopo aver studiato a Mosca. Maria invece, ha lasciato un pezzo della sua vita a migliaia di chilometri da Latina; ha il marito al fronte ed è fuggita in Italia con i suoi due figli di 4 e 12 anni, accolta da una parente che ora le fa da interprete.

Ieri erano una di fronte all’altra con le lacrime agli occhi, una russa e una ucraina, sembravano le due donne che hanno portato la croce all’ultima stazione della Via Crucis per volere di Papa Francesco. Insieme hanno pianto per il comune dolore della guerra e per tante altre paure: la giovane dottoressa, perché sente lo stigma della sua nazionalità, del Paese belligerante di cui disapprova le scelte; mentre la giovane profuga pensa alle bombe ed è tormentata per i suoi bambini, teme che se la sua patologia si aggraverà possano ritrovarsi improvvisamente senza papà e senza mamma, in una terra che non è nemmeno la loro.

Si sono fatte coraggio reciprocamente con Nadia che ha preso il telefono della ragazza ucraina, ha inserito la tastiera in cirillico e ha cominciato a scrivere nella sua lingua per darle informazioni e rassicurazioni dirette, senza il filtro della traduttrice. Si sono scambiate i numeri di telefono e resteranno in contatto per le cure, ora che la giovane mamma è stata presa in carico dalla Uoc diretta dal professor Cimino.

Fuori dalla stanza, i bambini, un maschio e una femmina, seduti silenziosamente ad attendere con educata pazienza la visita della loro mamma, hanno ricevuto in regalo le uova di cioccolato dell’Ail da una dottoressa. Gioia pura è sprizzata dalla faccia del più piccolo. Basta poco per far felice un bambino.

Sarà dura per tutti, lo sarà di certo: per la guerra e per la malattia, per dover ricominciare, per dover sopportare, Maria e i bambini ma anche Nadezda, la lontananza da casa che ora è senza un termine. Ma una cosa è certa: “Qui ci sentiamo accolti – dice la giovane ucraina – siete come una famiglia”.

La dottoressa che ha scattato la foto invece non vuole essere citata: “Dite semplicemente che queste sono le cose che ci fanno andare avanti anche quando sembra che vada tutto storto”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto