rock the ribbon

Hiv, a Latina 8 contagi nel 2022, ma diminuiscono anche i test

Lichtner: "Aumentare la prevenzione e lottare contro lo stigma restano le nostre sfide"

LATINA –  Otto nuove infezioni da Hiv in diminuzione progressiva rispetto agli anni passati (nel 2019 erano 29), ma a fronte di un numero di test inferiore. Sono tutti uomini, uno ha meno di 20 anni, qualcuno ha già passato i 70, ma la fascia più colpita  è quella tra i 35 e i 45 anni,  per la maggior parte etero e bisessuali. Da sottolineare è che più del 60% arrivano alla diagnosi tardivamente, perché non si sentono a rischio.

E’ la fotografia scattata dalla Uoc di Malattie Infettive del Goretti di Latina nei  primi 11 mesi del 2022. Dati recentissimi (quelli nazionali sono riferiti al 2021) per una situazione che interroga gli infettivologi: un calo reale o una flessione dovuta alla diminuzione dei test durante la pandemia?

Se ne è parlato oggi nell’ambito della manifestazione Rock The Ribbon Storytelling, in occasione della Giornata Mondiale per la lotta all’Aids. In apertura dell’evento sostenuto dalla Asl di Latina e realizzato in collaborazione con il check point di Via Legnano gestito da Arcigay-Seicomesei, Lab Art, Mad e dal Conservatorio Ottorino Respighi che lo ha animato di musica e ospitato nella sua sede di Via Ezio, anche “Storie di vita vissuta”,  i racconti di alcuni dei pazienti della Uoc di Malattie Infettive del Goretti di Latina rappresentati da giovani attori tra i quali c’è anche un medico del reparto, come ci ha raccontato la professoressa Miriam Lichtner che lo dirige. Con lei abbiamo fatto il punto della situazione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto