PREMIATO L’ARCHITETTO CEROCCHI
Consegnata una targa dal sindaco

Shares

fotoLATINA – Il sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, ha ricevuto questa mattina in Comune l’architetto Riccardo Cerocchi, ideatore dell’associazione musicale Campus Internazionale di Musica, che oggi è una Fondazione.

Il primo cittadino, infatti, ha voluto consegnare personalmente a Cerocchi la medaglia ufficiale coniata in occasione dell’80° anniversario di fondazione della città di Latina, per ringraziare l’arch. Cerocchi della sua importante attività a favore della cultura musicale della nostra città e dell’intero territorio provinciale. Cerocchi ha da poco lasciato la presidenza del Campus dopo 43 anni di guida.

“Ho voluto ringraziarla personalmente per il contributo importante e di grande livello che ha saputo dare alla diffusione e allo sviluppo della cultura musicale nella nostra città – ha detto il sindaco all’arch. Cerocchi – Quello che era iniziato come un divertimento “romantico” da parte di quattro amici è poi diventato un percorso culturale di grande spessore che ha avuto vasta risonanza a livello nazionale e internazionale. Di tutto questo, dei grandi concerti e dei bellissimi seminari di musica che ogni anno vedono arrivare a Latina e Sermoneta decine di giovani musicisti da tutto il mondo, dobbiamo essere grati soprattutto a Riccardo Cerocchi, tra i primi e più limpidi esempi non solo di come la cultura possa rappresentare veicolo per far conoscere la nostra città e le sue potenzialità, ma di come Latina possa diventare una eccellenza in campo internazionle”.

L’arch. Ceriocchi ha ringraziato il sindaco e ha ripercorso insieme a lui i 43 anni di storia del Campus:

“Eravamo un gruppo di quattro amici con un’idea comune, quella di voler fare qualcosa di particolare per la cultura a Latina – ha detto l’acrh. Cerocchi – soprattutto per combattere il “mercantilismo” imperante di allora, quello che ci appariva, cioè, come un periodo in cui la diffusione del benessere stava penalizzando l’attività culturale. E così decidemmo di valorizzare la cultura musicale senza avere neppure l’idea di quello che sarebbe poi diventato il Campus. Negli anni la passione è cresciuta e abbiamo avuto la possibilità, attraverso i concerti e i corsi per giovani musicisti, di incontrare i maggiori esponenti della musica contemporanea italiana e internazionale. La prima sede del Campus è stata casa mai, poi il mio studio e oggi, grazie al Comune, abbiamo una bella sede. Per me è una grande soddisfazione quando sento il nome di Latina all’estero grazie al Campus e alle sue attività”.

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto