CENTRALE A BIOGAS
La visita degli ingegneri

biogasLATINA – Una delegazione di sessanta professionisti dell’Ordine degli Ingegneri di Latina, ha effettuato una visita all’impianto a Biogas di Latina della società Esco Lazio srl. L’impianto di Borgo Bainsizza, in prossimità dell’azienda florovivaista “Selecta Italia” è il più grande di questo tipo della provincia di Latina: 999 kWelettrici, in funzione dall’ottobre 2011. Per la realizzazione e gestione dell’impianto è stata costituita una società agricola denominata “Agri Power Plus Srl”.
“Dopo il corso appena concluso per Energy Manager – ha spiegato il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Latina Fabrizio Ferracci – questo è un ulteriore appuntamento formativo e conoscitivo, teorico e pratico con presentazione in aula e visita guidata all’impianto, per i nostri iscritti nel campo del risparmio energetico e dell’utilizzo di fonti energetiche alternative e sostenibili”.
La visita all’impianto è stata preceduta da una presentazione del processo produttivo e da una descrizione dell’installazione da parte del Prof. Alessandro Corsini dell’Università Sapienza di Roma e dell’ingegner Ferdinando Ferdinandi, progettista dell’impianto.
“L’energia rinnovabile – hanno sottolineato il Prof. Corsini e l’ingegner Ferdinandi – deve tener conto delle vocazioni del territorio in cui sorgono e in questo caso è prettamente agro-industriale, più favorevoli dunque, a tecnologie come quella che utilizza il biogas, che sfruttano terreni non produttivi e sottoprodotti dell’agricoltura e dell’allevamento. Inoltre, Dalla “digestione controllata” dell’impianto a biogas si ricava anche un sottoprodotto, il digestato, simile ad un “limo” molto fertile, inodoro, che è distribuito sui terreni coltivati a biomasse (mais, triticale, sorgo e segale) destinate alla centrale, consentendo un considerevole risparmio in fertilizzanti chimici e di emissioni dei gas serra nell’atmosfera”.
L’energia elettrica annualmente ceduta dalla centrale alla rete Nazionale è di 7,5 milioni di kWhe/anno, mentre l’energia termica annualmente ceduta a Selecta Italia per il riscaldamento di 7 ettari circa di serre florovivaistiche è di 6 milioni di kWht/anno.
Il biogas prodotto dall’impianto, che è in grado di fornire energia termica ed elettrica a oltre mille famiglie, è ricavato dalla fermentazione anaerobica controllata di materie prime organiche: insilati di cereali appositamente coltivati, integrati con deiezioni animali provenienti da allevamenti locali e da sottoprodotti agricoli disponibili sul territorio, quali la sansa. Gli insilati di cereali sono prodotti dalla stessa Agri Power Plus su circa 200 ettari, che erano incolti o sottoutilizzati, posti in prossimità dell’impianto ed i restanti sono conferiti da produttori locali ubicati scelti a non oltre i 9 km dalla centrale, questo accorgimento garantisce un contenimento dei costi di trasporto e un abbattimento delle emissione di CO2. L’utilizzo di terreni incolti e la filiera corta sono due tra i fattori che fanno dell’impianto di Borgo Bainsizza “una centrale a biogas fatta bene”, di quelle cioè approvate anche dalle associazioni ambientaliste.

“L’entrata in funzione della centrale – ha evidenziato Gerda Wagner, amministratore delegato di Selecta Italia – ha consentito alla nostra azienda un risparmio di circa il 25% nell’acquisto e consumo di combustibili fossili per il riscaldamento delle serre: un vantaggio economico che si sposa con il rispetto dell’ambiente”.

Dal 2012 ad oggi, infatti, la produzione di energia elettrica e termica generata ha comportato una riduzione diretta di emissioni di anidride carbonica in atmosfera di circa 7.800 tonnellate, con positive ricadute ambientali.

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto