Matrimoni gay, Garullo e Ottocento chiedono al Comune di Latina la trascrizione dell’atto

I due ceramisti si sono sposati in Olanda 12 anni fa

Shares
Antonio Garullo e Mario Ottocento presentano l'istanza in Comune

Antonio Garullo e Mario Ottocento presentano l’istanza in Comune

LATINA – Hanno chiesto al Comune la trascrizione del loro matrimonio celebrato in Olanda ormai 12 anni fa, Antonio Garullo e Mario Ottocento, la coppia di Latina che da sempre si batte per vedere riconosciuta anche ai fini civili la propria unione in Italia.

Ieri i due ceramisti, forti di una sentenza del giudice di Grosseto emessa alcuni giorni fa, si sono ripresentati negli uffici comunali per chiedere che venga registrato l’atto di matrimonio. Con la speranza che Latina possa fare da apripista per il resto d’Italia  come ha spiegato Antonio Garullo al microfono di Francesca Balestrieri

ASCOLTA

Antonio Garullo

Il Comune chiederà ora un parere al Ministero dell’Interno, mentre nel prossimo consiglio comunale sarà discussa la mozione presentata dai consiglieri d’opposizione de Marchis, Mattioli, Porcari e Sarubbo che chiedono che il Comune istituisca un registro delle unioni tra persone dello stesso sesso che si siano sposate all’estero.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto