Amianto pericoloso, nel Lazio mappato solo il 12% del territorio

Avenali proprone una legge per il risanamento ambientale e la sicurezza dei cittadini

pericolo amiantoLATINA – “L’inchiesta pubblicata su La Repubblica, “Amianto: strage dimenticata”, che rende nota l’inchiesta sull’Isochimica di Avellino, ci evidenzia, se ancora ce ne fosse bisogno, che l’amianto è un pericolo da non sottovalutare mai nel tempo e che bisogna intervenire urgentemente per fermare le morti silenziose che determina. Nonostante siano passati oltre 20 anni dall’approvazione della legge nazionale che ha messo al bando l’amianto, molto poco è stato fatto negli scorsi decenni nel Lazio per garantire ai cittadini il loro diritto alla salute e per rimuovere questa fibra letale dal territorio”. La consigliera della Lista Zingaretti, Cristiana Avenali ricorda in un anota che secondo i dati del Centro Regionale Amianto “solo il 12% del territorio è stato mappato, mentre dal 2001 al 2012 sono stati registrati e confermati clinicamente 791 casi di mesotelioma maligno, numero destinato a crescere nei prossimi anni. Il censimento non è completo, e nel Lazio mancano indicazioni chiare sulla bonifica dei siti contaminati e sullo smaltimento”.

Per questo Avenali ha presentato una proposta di legge regionale, la n.93 del 2013, che individua in modo strutturale le azioni chiave per la prevenzione e la tutela della salute e per il risanamento dell’ambiente, bonifica e smaltimento dell’amianto.

“Anche il Lazio  – rimarca – ha bisogno, infatti, di una legge regionale sistemica e complessiva che metta in campo strumenti adatti a promuovere politiche per la tutela e la prevenzione di esposti e potenzialmente esposti, quindi misure di assistenza e prevenzione sanitaria. Ma non solo. Perché l’amianto è un tema chiave per evidenziare la correlazione tra problematiche ambientali e salute: è quindi importante anche lavorare per il risanamento dell’ambiente, e in questo senso la mia proposta di legge prevede la possibilità di smaltire piccoli quantitativi di amianto a livello comunale, e la elaborazione di un piano regionale per le grandi opere di decontaminazione, smaltimento e bonifica. Grande risalto viene dato anche alla formazione di medici, operatori delle ASL e imprese, alla tenuta di registri specifici per edeifici e siti contaminati, per le imprese di bonifica e smaltimento, alle sanzioni per eventuali inadempimenti e prevede la creazione di un Nucleo amianto presso la Direzione Generale per la Sanità”.

Ora bisogna solo agire.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto