Terra e Libertà, convegno di In Migrazione a Latina

immigrazioneLATINA – “Discutere e approfondire le condizioni dei lavoratori migranti impiegati in agricoltura, ma anche lo stato di un comparto molto particolare come appunto quello agricolo e un’organizzazione complessiva del lavoro che permette l’insinuarsi di comportamenti e pratiche illegali nelle maglie larghe della normativa vigente”. Sono gli argomenti al centro del convegno Terra e Libertà, in programma a Latina lunedì prossimo, 20 ottobre alle  17, organizzato da In Migrazione con l’Osservatorio per la sicurezza e la legalità della Regione Lazio e la collaborazione di Arsial e Casa dell’Agricoltura a Borgo Piave, presso l’Istituto San Benedetto.

Era stata proprio l’associazione In Migrazione a denunciare in un dossier alcuni mesi fa le condizioni dei braccianti agricoli e il fenomeno inquietante dell’uso di sostanze dopanti per vincere la fatica di giornate interminabili di lavoro sui campi.

Insieme al presidente di In Migrazione, Simone Andreotti, sarà presente il presidente dell’Osservatorio per la sicurezza e la legalità della Regione Lazio, Giampiero Cioffredi.

Interverranno gli assessori all’Agricoltura, caccia e pesca e delle Politiche sociali della Regione Lazio, Sara Ricci e Rita Visini; il sindaco di Latina, Giovanni di Giorgi; il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, Sesa Amici; il vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, Claudio Fava; il rappresentante della comunità Sikh, Dhillon Singh; il presidente di Confagricoltura Lazio, Sergio Ricotta e il segretario generale della Cgil per Cigl, Cisl e Uil, Anselmo Briganti. A coordinare sarà il Commissario Arsial, Antonio Rosati.

Porteranno i loro saluti il vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno, Monsignore Mariano Crociata e il prefetto di Latina, Antonio D’Acunto.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto