la gara

Vertical, bissanno Thomas Celko e Lenka Svabikova. Guinness per Doku

Fatica ed emozioni per i 180 atleti al via sulle scale della Torre Pontina

[flagallery gid=675]

LATINA – Sono sempre Thomas Celko e Lenka Svabikova i leader del Reale Mutua Latina Vertical Sprint. Gli atleti di Slovacchia e Repubblica Ceca vincono sia la prima che la seconda manche, in cui Celko battere il record personale dello scorso anno, scendendo ad un tempo 3 minuti, 14 secondi e 23 centesimi per scalare la Torre Pontina (737 scalini, 38 piani, 128 metri). Un secondo e mezzo di ritardo rispetto alla passata edizione per Lenka Svabikova, che ha chiuso in 4:17.55

Al via 180 atleti per la gara in salita a Latina per il secondo anno inserita nel circuito mondiale Towerunning. Tredici telecamere che hanno seguito l’evento

Nella prima manche maschile, tra i primi dieci promossi in finale, Giovanni e Sergio Contenta, padre e figlio della Asd Roccagorga, che si sono fatti ben valere in una rosa di top runner, come Celko, Ruga, Marunovski,Triulzi, De Maria, Zanella e Di Mambro. Posizione nelle qualificazioni in parte rispettate anche in finale, dove Celko è arrivato ancora una volta davanti al bergamasco Ruga, accumulando un vantaggio finale di 5 secondi. Il pontino Giovanni Contenta ha guadagnato tra prima e seconda manche un’altra posizione, chiudendo quinto (4:08.45). Nella categoria femminile le pontine hanno saputo fare ancora meglio. Alle spalle della Svabikova, che ha lasciato il vuoto dietro di sé, staccando la Martinucci di 12 secondi, si sono piazzate terza Agnieszka Kalinowska (5:47.24) della Smile Training, stessa società di Roberta Superina (5:52.85). Quinta posizione per Angelo Poce della Frangar Non Flectar (5:54.17).

DOKU E CORVO – Esibizione speciale di Haki Doku, atleta paralimpico italo albanese che anziché salire, è sceso lungo le rampe della Torre Pontina sulla sedia a rotelle. Un percorso compiuto tre volte e mezzo, per la bellezza di 2732 scalini in 54 minuti, utili a certificare l’ingresso nel Guinness dei Primati. “Ho iniziato durante la terapia riabilitava, non appena mi sono trovato costretto a stare su una sedia a rotelle. Ed è diventata ora una sfida personale”, questo il commento di Doku.

 Matteo Corvo, atleta pontino di street trial si è esibito dimostrando così cosa si può fare con una due  ruote. Acrobazie ad effetto a suon di musica.

CATEGORIE E SOCIETA’

Nelle categorie donne, primi posti per Chiara Rossi (LBM Sport, F18), Giada Cacciotti (Atletica Sabaudia, F30), Patrizia Capasso (F40) e Anna Maria Placati (Atletica Sabaudia F50). Negli uomini primi posto per Simone Spirito (Podistica Aprilia, M18), Michele Giove (Asd Romatletica, M30), Daniele Tombolillo (M40), Antonio Coia (Asd Roccagorga, M50) e Massimo Peronti (Polisportiva Ciociara Fava). Nella classifica per società prima l’Atletica Sabaudia, Running Club Latina e Frangar non Flectar. Punteggi calcolati sulla base dei primi dieci tempo al termine della prima manche.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto