di e con Angela Iantosca

Carceri luoghi di rinascita? C’è chi ci prova

Ma Latina è tra le cinque italiane con maggiore sovraffollamento

LATINA –  ASCOLTA RADIO LIBERA qui o su Radio Luna il mercoledì e in replica il sabato alle 11

Sono 57.393 i detenuti presenti nelle carceri italiane al 31 agosto scorso.
Un dato in costante crescita secondo l’associazione Antigone che riferisce come in media l’affollamento negli istituti di pena è del 113,6%. Le cinque carceri più affollate sono: Chieti con un sovraffollamento del 189,9%, Larino 186,9%, Lodo 184,4%, Latina 183,1%, Como 176,6%.

Eppure esempi positivi o tentativi di fare un buon lavoro anche laddove sembra che la speranza non possa esserci ci sono.
L’ultimo nel carcere romano di Rebibbia, sezione maschile dove il 25 settembre parte il progetto MADE IN REBIBBIA, corso di taglio e cucito dedicato ai detenuti grazie all’accordo siglato tra l’Accademia Nazionale dei Sartori e l’Istituto penitenziario.
La scuola sarà frequentata da 15 detenuti, selezionati dagli educatori e dalla dottoressa Rosella Santoro, direttrice dell’Istituto, tra coloro che hanno manifestato interesse e potenziale attitudine all’apprendimento di questa arte.
I detenuti che parteciperanno hanno una pena da scontare intorno ai 10 anni. Il corso durerà tre anni: tre volte a settimana, per 7 ore, gli allievi si cimenteranno in questa arte con l’aiuto di due sarti e di Ilario Piscioneri Presidente dell’Accademia.
A giugno/luglio ci sarà una sfilata con gli abiti realizzati. E poi chissà in futuro potremo trovare il marchio anche in qualche negozio…
Un progetto questo che è stato possibile anche grazie a Bmw Roma che ha contribuito finanziando l’acquisto delle attrezzature come macchine da cucire, banchi di lavoro, ferri da stiro…
Perché tutto questo? Perché laddove il carcere diventa una occasione di crescita (come dovrebbe essere), di messa a frutto del tempo a disposizione di chi è costretto a vivere tra quelle mura, diminuisce la recidiva e si creano persone pronte a tornare a vivere in modo onesto!

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto