l'arresto in bolivia a gennaio

L’ex terrorista di Sermoneta Cesare Battisti interrogato dal pm ammette i quattro omicidi

Si era sempre dichiarato innocente

LATINA – Cesare Battisti, l’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo originario di Sermoneta, arrestato in Bolivia dopo quasi 40 anni di fughe è stato interrogato oggi dal pm di Milano, Alberto Nobili, e per la prima volta ha ammesso di essere responsabile dei quattro omicidi per i quali era  stato condannato all’ergastolo. La notizia è stata battuta dall’agenzia di stampa Agi. Battisti si era infatti sempre dichiarato innocente. “Mi rendo conto del male che ho fatto e chiedo scusa ai familiari” delle vittime, ha detto l’ex terrorista. L’ammissione  – ha commentato il procuratore di Milano, Francesco Greco – “fa giustizia di tante polemiche che ci sono state in questi anni, rende onore alle forze dell’ordine e alla magistratura di Milano e fa chiarezza su un gruppo, i Pac, che ha agito dalla fine degli anni ’70 in modo efferato”.

Tutto quello che è stato ricostruito nelle sentenze definitive sui Pac, “i 4 omicidi, i 3 ferimenti e una marea di rapine e furti per autofinanziamento, corrisponde al vero”. Così il pm di Milano Alberto Nobili, ha riassunto – scrive l’Ansa – le ammissioni fatte da Cesare Battisti davanti al magistrato, al quale l’ex terrorista ha anche spiegato: “Io parlo delle mie responsabilità, non farò i nomi di nessuno”.

L’ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo, (Pac) è stato condannato in via definitiva per quattro omicidi, due commessi materialmente, due in concorso: quello del maresciallo degli agenti di custodia Antonio Santoro, ucciso a Udine il 6 giugno 1978, quello del gioielliere Pierluigi Torregiani e del commerciante Lino Sabbadin, che militava nel Msi, uccisi entrambi da gruppi dei Pac il 16 febbraio 1979, il primo a Milano e il secondo a Mestre; e quello dell’agente della Digos Andrea Campagna, assassinato a Milano il 19 aprile 1978.

 

5 Commenti

5 Commenti

  1. Giorgio Mochi

    Giorgio Mochi

    25 Marzo 2019 alle 13:36

    Buttate la chiave l’infame chiuso a vita

  2. Giovanni Piscopo

    Giovanni Piscopo

    25 Marzo 2019 alle 13:44

    Adesso però chiede scusa…

  3. Paolo Caldarini

    Paolo Caldarini

    25 Marzo 2019 alle 16:05

    Adesso si pente…tra pochi anni esce e va in parlamento….

  4. Luca

    25 Marzo 2019 alle 20:05

    Nell’intervista sembra che chieda scusa sorridendo, sinceramente non le trovo sentite. Abbiamo già visto che è un manipolatore, spero che non ci sia sconto di pena per delle scuse non sentite. Poi una riflessione al parente che tempo fa lo difendeva per non aver commesso i reati.

  5. Roby

    27 Marzo 2019 alle 12:28

    E sicuramente qualche agglomerato di intellettuali sinistri (nel vero senso della parola) si batterà per fargli avere un’indennizzo per risarcirgli “l’ingiusta detenzione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto