24 e 25 Aprile

Dieci Anni di Sottoscala 9

I Fondatori del Circolo di Latina si raccontano in vista del grande evento del Decennale

sottoscala-intervista
Shares

Il Sottoscala 9, storico Circolo in Via Isonzo a Latina, si appresta a festeggiare 10 anni di attività. Con più di 2000 serate organizzate ed oltre 5000 associati, il Sottoscala 9 celebrerà il suo decennale con due giorni di eventi, il 24 e 25 Aprile.

I fondatori del locale si sono raccontati per noi, parlandoci degli inizi, della loro grande crescita e di cosa hanno in serbo per il futuro.

sottoscala-evento

Presentatevi: Chi c’è dietro al Sottoscala? Chi sono le persone che si muovono dietro le quinte?

Il Sottoscala 9 è il terzo Circolo ARCI del Lazio per numero di tesserati. Dietro c’è soltanto la passione e la dedizione dei molti soci/volontari che ogni giorno si fanno in quattro per portare avanti la “mission” che da sempre lo anima: promuovere e diffondere i valori della solidarietà, dell’accoglienza, della condivisione e della sussidiarietà, attraverso una serie di iniziative culturali, politiche, sociali.

Il Sottoscala 9 vuole essere un luogo di incontro, di scambio, di partecipazione e di crescita collettiva. Vi si possono vedere concerti, spettacoli teatrali, presentazioni di libri o più semplicemente passare una bella serata. E’ un luogo aperto a tutte le persone che hanno idee da proporre e voglia di fare qualcosa qui in città. E’ anche un importante punto di riferimento territoriale per il mondo dell’associazionismo e del volontariato sociale. Ciò che contraddistingue il Circolo e ne rappresenta, a nostro avviso, il “valore aggiunto”, è che non si tratta del classico “locale”: tutto funziona in base ad una logica che non è quella del lucro o del profitto.

La scommessa del Sottoscala 9 è sempre stata quella di rendere l’offerta culturale accessibile a tutti mantenendo, nel contempo, qualità e divertimento.

Come avete iniziato? Vi va di raccontarci qualcosa sul “primo” Sottoscala?

Dieci anni fa un ristretto gruppo di “pazzi” decise di iniziare questa esperienza con lo scopo di colmare un “vuoto”. A Latina mancava un luogo in cui poter ascoltare della musica live che non fosse la classica cover band o che ospitasse eventi culturali di un certo tipo. Per vedere cose del genere bisognava andare fino a Roma! Inoltre era anche avvertita l’esigenza di aprire un spazio di socialità che rappresentasse, in qualche modo, un’alternativa a ciò che fino ad allora c’era in città… che fosse qualcosa di diverso dal semplice pub o dal solito locale.

Il primo Sottoscala aprì i battenti il 25 aprile 2009 in pieno centro, a Viale Petrarca, in un grande seminterrato (per chi se lo ricorda era il vecchio “Underground”) che si raggiungeva scendendo giù per una piccola “scalinata”, proprio da questo è nato il nome. Divenne fin da subito un posto molto frequentato e vissuto. Rimase li per un paio d’anni, nel corso dei quali si consolidò come punto di riferimento cittadino. Diverse persone si unirono al gruppo dei “soci fondatori” e fecero crescere ulteriormente il progetto con il loro contributo. Poi, per tutta una serie di motivi, chiuse li e riaprì in modalità “spot” in altre location (la vecchia Villa Sole Luna in via Cerreto Alto).

Finché un giorno il collettivo di persone che animavano questo percorso decise di realizzare una idea ambiziosa: recuperare dei fondi che permettessero di prendere uno spazio grande e mantenerlo in vita il più possibile. Si mise su una raccolta fondi, che culminò in una bellissima iniziativa organizzata al Teatro Opera Prima: un concerto/happening di due giorni, al quale parteciparono a titolo gratuito anche importanti e storici gruppi musicali dell’underground italiano (Giorgio Canali e Rossofuoco tanto per citarne uno).

Grazie a tutto questo il Circolo riuscì a riaprire in via Isonzo dove si trova tuttora.

Per il decennale del Sottoscala c’è un evento in preparazione: di cosa si tratta? E’ una sorpresa o potete svelarci qualcosa?

I 10 anni del Sottoscala 9 saranno festeggiati con due eventi: il 24 aprile sarà all’insegna della grande musica alternative/underground! Sul palco si avvicenderanno (a partire dalle 21.30) ben 4 gruppi!!

Apriranno le danze due progetti locali molto validi: gli All Against All e i Freack Bastard Trick.

Poi sarà la volta dei londinesi Dorcha che promettono un live dalle sonorità estremamente interessanti e molto particolari.

Infine chiuderanno i mitici Fuzz Orchestra con il loro heavy/rock/fuzz potente e magistrale.

Il 25 aprile invece ci sarà un pranzo sociale con cui festeggeremo il compleanno del Circolo e la Liberazione. Il menù è speciale!!

Per informazioni basta consultare il nostro sito o i nostri social.

Avete senza dubbio contribuito ad espandere e promuovere la musica della nostra Provincia. Cosa ne pensate del fermento artistico della nostra città? Come sono cambiati gli artisti e le correnti da dieci anni a questa parte?

Il Sottoscala 9 vuole essere un punto di riferimento e di valorizzazione della scena musicale locale. A livello italiano ed internazionale il Circolo è ormai riconosciuto e tenuto in grande considerazione sia dai gruppi che da tutti gli operatori del settore (booking, riviste musicali). La nostra mail riceve tra le 15 e le 20 proposte al giorno da parte di gruppi che vogliono venire a suonare da noi e questo è fondamentale, perché contribuisce in modo determinante a far uscire la scena musicale locale dai limiti angusti del “provincialismo”.

A Latina c’è un discreto fermento musicale. Ci sono diversi gruppi interessanti e praticamente tutti hanno suonato almeno una volta sul nostro palco, a volte aprendo anche per gruppi“eccellenti”. Ecco questa, ad esempio, è una cosa che, prima del Sottoscala, non esisteva in città e in tal senso la nostra presenza ha contribuito a dare nuovi impulsi e nuovi stimoli alla scena. Rispetto a 10 anni fa ci sono, forse, più gruppi in giro… più ragazzini che suonano. Per quanto riguarda però la creazione di una scena che (Calcutta a parte) riesca a farsi conoscere in giro, ad “emergere” sulla ribalta nazionale, a nostro avviso c’è ancora da lavorare e noi siamo qui anche per questo!

Avete organizzato tantissimi concerti. Ce n’è uno a cui siete particolarmente affezionati?

Uno solo è impossibile! Ognuno di noi è legato al ricordo di un concerto in particolare. Ce ne sono stati alcuni sicuramente memorabili: Calibro 35, Zeus!, Zu, Diaframma, Dente, Giancane, Calcutta, Geoff Farina, i Canova, lo stato sociale…

C’è un artista che non avete mai ospitato e che vorreste avere sul vostro palco?

Anche qui ce ne sarebbe più di uno: Giovanni Truppi, Nu Guinea, Lighting Bolt…

Al Sottoscala si incontrano da sempre le correnti più eterogenee, c’è davvero posto per tutti. Quale è stata, negli anni, la risposta della gente al vostro locale?

Nonostante l’offerta musicale molto variegata (anche se improntata su un taglio fondamentalmente “underground”) negli anni il pubblico latinense ha dato una risposta che, nel complesso, potrebbe essere definita “ondivaga” e “discontinua” per quanto concerne l’aspetto eminentemente quantitativo dell’afflusso. Abbiamo sicuramente una parte di pubblico che ormai ci segue con una certa costanza, che è il nostro ”zoccolo duro”, che si è creato nel tempo e che è costituito in buona parte da musicisti o, comunque, da “ascoltatori competenti”.

C’è ancora molto lavoro da fare per “fidelizzare” soprattutto il pubblico dei più giovani. Negli ultimi tempi i nostri sforzi sono concentrati molto verso questo obiettivo.

Sta arrivando la stagione estiva e avrete una programmazione fitta di eventi. Potreste darci un’anticipazione?

L’estate al Sottoscala si preannuncia molto ricca di eventi… tanto per fare qualche nome, avremo Anna Mancini (giovane talento ormai famoso nell’ambito della chitarra fingerstyle), Lisa Melissa and The Mess (favoloso gruppo Funk dagli USA tutto da vedere e da ballare, con una frontman dalla voce davvero notevole) Baskery (trio contry/rock tutto femminile, anche loro americane e con una energia live davvero pazzesca!!) Osaka Flu (gruppo italiano Indie/rock/pop che sta andando davvero molto bene!!) mi fermo qui ma ci saranno tanti altri artisti davvero fenomenali!!

Aspettiamo tutti nel giardino rimesso a nuovo… sotto gli ulivi a rinfrescarci e scatenarci!

Come vedete il Sottoscala fra 10 anni? Come lo immaginate? Sarete ancora qui per un ventennale?

Ci piacerebbe vederlo sempre più “attraversato”, partecipato, condiviso… sempre più “bene comune”…

La cosa che vogliamo resti costante nel tempo è la qualità dell’offerta musicale e culturale.

Long life to Sottoscala9!!

 

Per maggiori informazioni:
facebook.com/SOTTOSCALA9ARCI/

Link agli eventi:
24 Aprile – B-day Rock Party
25 Aprile – Il Sottoscala rESISTE – Pranzo Sociale

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto