cultura

Il gruppo Iliade vince la prima edizione dell’hackathon di Latina

Sette scuole coinvolte nella maratona di progettazione per il Patto per la lettura

LATINA – Grande partecipazione nel fine settimana all’istituto Galileo Galilei per la maratona di progettazione organizzata nell’ambito del “Patto per la Lettura”. 150 tra giocatori e staff, suddivisi in team, hanno raccolto la sfida sulla promozione della lettura mettendo in pratica il processo partecipativo che questo percorso – promosso dal Comune di Latina attraverso l’assessorato alla Cultura e la Biblioteca Comunale “Aldo Manuzio” – ha cercato di attivare coinvolgendo 7 scuole e 20 docenti.
Vincitore dell’hackathon è stato il progetto dei ragazzi del gruppo Iliade, che prevede una dettagliata ed elaborata Escape Room per la sensibilizzazione alla lettura attraverso il gaming. Sul podio anche i gruppi Divina Commedia e Alice nel Paese delle Meraviglie, autori a loro volta di proposte altrettanto innovative. Nella giornata conclusiva di domenica era presente anche il sindaco di Latina Damiano Coletta che ha premiato i vincitori: «È stata una iniziativa magnifica e coinvolgente – ha detto il primo cittadino -. Le nuove generazioni non soltanto rappresentano il futuro, ma contribuiscono a innovare il presente. È un lavoro e un impegno che mi riempie di orgoglio».
Un ringraziamento particolare per l’organizzazione e la riuscita dell’evento va alla dirigente scolastica dell’istituto Galilei Laura Pazienti e a tutto il personale della scuola; alla School of Government di Tor Vergata; ai coordinatori di Lazio Innova e all’Università La Sapienza di Roma.

1 Commento

1 Commento

  1. Luciana

    1 Aprile 2019 alle 18:31

    Un ringraziamento particolare va alla dottoressa Francesca Cirilli, dirigente della Biblioteca Comunale, che ha saputo organizzare questo evento con determinazione ed entusiasmo. Ha saputo far collaborare circa duecento persone tra studenti, docenti ed esperti, tutti uniti intorno a un obiettivo comune:conta chi legge!!! Grazie Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto