cronaca

Chiuse le indagini per la morte della 16enne di Cisterna Desirèe Mariottini

In sette rischiano il processo

ROMA – Sono state chiuse dalla Procura di Roma le indagini sulla morte di Desirèe Mariottini, la ragazza di 16 anni di Cisterna trovata senza vita lo scorso ottobre in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo a Roma. A rischio processo ci sono 7 persone, fra cui i primi quattro fermati, Alinno Chima, Mamadou Gara, detto Paco, il ghanese Yusef Salia e il 43enne senegalese Brian Minthe, sono accusati di concorso in omicidio volontario, violenza sessuale di gruppo e cessione e somministrazione di droga a minore. Per la procura di Roma sono stati loro ad ucciderla, dopo averla drogata e violentata. Nei confronti dei quattro arrestati l’impianto accusatorio non muta.

E ieri a Roma è stato inaugurato il giardino dell’asilo nido di via Campania, nel quartiere di San Lorenzo a Roma che porta il nome di Desirèe. Alla cerimonia di intitolazione c’erano anche i familiari della ragazza di Cisterna.

1 Commento

1 Commento

  1. Germano Buonamano

    Germano Buonamano

    22 Giugno 2019 alle 11:22

    Nonostante tutto ancora è in piedi lo stabile dove è stata uccisa Desirée…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto