cronaca

Cisterna, provoca un incidente e scappa denunciato 39enne senza patente

La Polizia locale lo ha rintracciato mentre cercava di pulire l'auto per far sparire le tracce

Shares

CISTERNA – È finita con la denuncia a piede libero per fuga e omissione di soccorso, oltre alla sanzione di 5000 euro e il fermo amministrativo della macchina, la giornata dell’indiano che nel primo pomeriggio di lunedì scorso ha causato un incidente provocando ferite al conducente e danni al veicolo.
Lo scontro tra le due auto è avvenuto intorno alle ore 13.10, quando una donna di 44 anni alla guida della propria autovettura su Via di Porta Agrippina con direzione Via Monti Lepini, giunta all’altezza della curva dell’ufficio postale, ha vsto la sua corsia di marcia invasa da una Fiat Punto. Il conducente, invece che fermarsi per prestare soccorso si è allontanato in direzione di Piazza Caetani.
La pattuglia della Polizia Locale ha raccolto le testimonianze e le parti rimaste a terra dal veicolo in fuga grazie alle quali si è risaliti al numero di targa. Il conducente è stato rintracciato mentre cercava di pulire la macchina per far sparire le tracce dell’incidente. Gli agenti hanno così scoperto che J.I., cittadino indiano di 39 anni, non era in possesso della patente.

A suo carico, quindi, la violazione di guida senza patente che prevede una sanzione amministrativa di 5000 euro oltre al fermo amministrativo di 3 mesi per il veicolo, ma la violazione più grave è quella dell’art. 189 del Codice della Strada relativa all’omissione di soccorso che prevede come pena la reclusione da 1 a 3 anni e alla fuga a seguito di incidente con pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni.

“In questo tipo di incidenti dove una delle parti si dà alla fuga – spiega il Comandante della Polizia Locale, Raoul De Michelis – è indispensabile chiamare celermente le Forze dell’Ordine affinché sia possibile attivare le ricerche sul territorio prima che i soggetti coinvolti facciano disperdere le tracce utili alla ricostruzione del sinistro ed all’individuazione degli autori”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto