a scuola

Violenza sulle donne, carabinieri e centro donna Lilith all’Artistico

Gli studenti hanno chiesto un approfondimento dopo il convegno del 9 marzo

LATINA – Dopo l’interesse suscitato soprattutto fra i giovani dal recente convegno organizzato dal Comando Provinciale dei Carabinieri dal titolo “Donne una rete per uscire dalla violenza”, su richiesta degli studenti del Liceo Artistico Buonarroti, questa mattina la comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile di Latina, ten. Monica Loforese, con la psicologa Irene Fucsia e la dottoressa Chiara Sanseverino del “Centro Donna Lilith”  hanno tenuto un incontro di approfondimento sul tema.

Le tre esperte di reati di genere  hanno affrontato un dibattito aperto con i ragazzi, su ogni forma di violenza, sui fenomeni dello stalking e dei femminicidi, oltre che sull’importanza di mantenere e sviluppare le attività e le iniziative messe in campo finora sia sotto un profilo prettamente normativo, sia da un punto di vista organizzativo come la Rete presentata durante la conferenza del 9 marzo.

“E’ stata un’opportunità  – spiegano dal Comando provinciale dei carabinieri – per un confronto costruttivo e per una maggiore e più diretta interazione con i ragazzi per sensibilizzarli, per stimolarli e diffondere la cultura del rispetto di genere, approfondendo la tematica non solo dal punto di vista sociale ed educativo affermando, sempre di più, il diritto alle pari opportunità fra uomini e donne come precondizione necessaria alla prevenzione e al contrasto di ogni forma di violenza, ma anche dal punto di vista più strettamente legato alle funzioni preventive e repressive dell’Arma dei Carabinieri. Le conferenze proseguiranno su tutto il territorio della provincia nel solco tracciato dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri nell’ambito della campagna di sensibilizzazione sulla “formazione della cultura della legalità” nei giovani, e vedrà coinvolti tutti gli ufficiali che fanno parte del gruppo di lavoro istituito nell’ambito del Comando Provinciale dei Carabinieri di Latina”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto