6 maggio

Al Goretti infezioni ospedaliere aumentate durante la pandemia: una lezione aperta di Lavaggio delle Mani

L'infettivologa Miriam Lichtner: "Non bastano guanti e tute, per evitare il passaggio dei germi resistenti occorre lavarsi le mani"

LATINA – All’ingresso dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina oggi (6 maggio), a mezzogiorno, una lezione coinvolgerà studenti universitari di Medicina e di Scienze Infermieristiche, ma sarà aperta anche agli tutti gli operatori sanitari che vorranno esserci, per ricordare l’importanza del lavaggio delle mani nella prevenzione delle infezioni ospedaliere: dalle più banali, a quelle polmonari, più serie, fino alla spesso fatale sepsi. Il titolo della lezione aperta è “Lotta alle infezioni nosocomiali dopo 2 anni di pandemia” ed è organizzata in collaborazione tra Asl di Latina e  docenti della Sapienza.

Succede nella giornata Mondiale del Lavaggio delle Mani promossa dall’Oms, anche per fare il punto della situazione locale che riserverà una sorpresa: “Le infezioni nosocomiali in questi due anni di pandemia  – spiega Miriam Lichtner direttrice della Uoc di Malattie Infettive dell’Ospedale di Latina – sono aumentate. Non bastano guanti e tute, per evitare il passaggio dei germi resistenti occorre lavarsi le mani, faremo vedere come e in quali momenti: ogni volta che entriamo nella stanza del paziente, prima di visitarlo e dopo; quando si passa da un paziente a un altro e ogni volta che andiamo a toccare qualche cosa di contaminato come un accesso vascolare o un catetere vescicale. Sembra una cosa banale, ma non lo è. Stimiamo che ogni operatore in turno dovrebbe farlo circa 30-40 volte al giorno, quindi per essere rapidi è impossibile farlo con l’acqua e il sapone e si fa con la soluzione idroalcolica”.

La lezione sarà aperta dai saluti della direttrice generale Silvia Cavalli e del direttore sanitario aziendale Sergio Parrocchia con i direttori delle Uoc, Gallo, Riggio, Biaggi, Lombardi, Mellacina e Carocci tenuta dai responsabili delle strutture e da operatori sanitari esperti. “Dobbiamo diffondere la cultura del lavaggio mani. La pandemia ci ha fatto capire quanto è importante usare i dispositivi di protezione, ma il lavaggio delle mani non è solo a protezione dell’operatore sanitario, ma anche del paziente soprattutto fragile”.

 

IL PROGRAMMA DELLA LEZIONELocandina lavaggio Mani FORMAZIONE

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto