Triste storia di un minore

Bambino prelevato dagli assistenti sociali, tensione nella scuola di Borgo Faiti

In Tribunale l'udienza per l'affidamento

faitiLATINA – Momenti di tensione questa mattina nella scuola media di Borgo Faiti dove gli assistenti sociali sono intervenuti per prelevare un bambino di 12 anni che deve essere affidato ad una casa famiglia. Una storia che è il frutto di una lunga contesa tra i genitori per l’affidamento del ragazzo e che questa mattina potrebbe vedere una fine grazie all’udienza che si terrà in Tribunale. Davanti ai cancelli della scuola c’erano la mamma, i nonni e altri parenti della donna che hanno in un primo momento cercato di fermare l’operato dei servizi sociali, e lo stesso ragazzo si è rifiutato di seguirli. Sul posto sono intervenuti anche sanitari del 118, Polizia e il magistrato che segue il caso. Il 12enne è assistito anche da un tutore che ha mediato la situazione e convinto il ragazzinoa seguire gli assistenti. Prima ci sono volute ore di trattative.
“Mia figlia è rimasta molto scossa da quanto accaduto – ha raccontato la mamma di una compagna di classe del ragazzo – e per noi genitori non sarà facile spiegare che cosa è successo. Ci auguriamo che il giudice decida la cosa migliore per il ragazzo”.

16 Commenti

16 Commenti

  1. Maria Elena

    11 Marzo 2015 alle 11:13

    L’articolo dice: “la storia è frutto di una lunga contesa tra i genitori
    per l’affidamento del ragazzo” ed allora è inutile accusare le istituzioni, perchè qui la colpa è proprio dei genitori. Se loro per
    primi non si mettono d’accordo, cosa pretendono poi??? Certo forse il
    modo di prelevare il minore non è dei migliori, però riflettete gente!!!

    • Andrea Mazzeo

      11 Marzo 2015 alle 14:29

      Non è esattamente così, conosco il caso abbastanza bene; il ragazzo ha da sempre rifiutato di andare dal padre ma in passato ha dovuto adeguarsi per non rischiare di finire in comunità, non è la prima volta che ci provano a portarlo via. La madre non ha mai ostacolato il rapporto del figlio col padre, ma chiaramente se il figlio rifiutava cosa doveva fare? Finché era piccolo riusciva a forzarlo, ma non è facile costringere un ragazzone di 12 anni a fare una cosa che non vuol fare. Tutti abbiamo, o abbiamo avuto, dei figli e sappiamo bene che a quell’età la casa per loro diventa un albergo, è più il tempo che passano fuori casa, fra scuola, amici, fidanzatine, intereessi vari, ecc, che quello che stanno in casa con i genitori. Sembra che negli ultmi tempi il padre, in seguito ai diverbi col figlio lo abbia anche picchiato, e questo ha fatto sì che il rifiuto sia diventato sempre più deciso. Il ragazzo è stato anche ascoltato dal giudice e gli ha detto chiaro e tondo che non vuole avere rapporti col padre; ma il giudice si è intestardito e lo vuole obbligare a tutti i costi. Quindi non c’è nessuna contesa tra i genitori per l’affidamento, qui si tratta solo di rispettare la volontà di un ragazzo di 12 anni e la sua libertà di vivere serenamente e con chi si sente felice e a suo agio.

    • Maria

      11 Marzo 2015 alle 14:48

      Ma cosa stai dicendo !!

      • Andrea Mazzeo

        11 Marzo 2015 alle 20:57

        @ Maria: Se lei conosce fatti che io non conosco ce ne parli.

        • Riccardi Giardino

          11 Marzo 2015 alle 23:21

          Il sig. Mazzeo è un attivista che aiutava la ex madre a cercare di negare che l’alienazione genitoriale è un abuso sull’infanzia. Giustamente la magistratura protegge i bambini da chi si fa consigliare da ideologie tanto assurde e pericolose. Speriamo che dopo tanti anni il povero bambino possa finalmente riabbracciare il papà e che i diffamatori vengano messi a tacere

          • Andrea Mazzeo

            12 Marzo 2015 alle 20:42

            ex madre? ma sta bene?

          • Maranga

            27 Marzo 2015 alle 1:35

            Mazzeo si chieda piuttosto se è lei a stare bene: lei esprime giudizi e valutazioni di parte, perchè lei è intimamente DI parte, e ha precisi interessi professionali in questa vicenda, sulla quale uno dei genitori (e non dico quale) sono anni che costruisce battaglie mediatiche che a lei, finora, hanno fatto ben comodo al portafogli.

            Lei non è obiettivo e non può esserlo. Lo dica chiaramente, e consigli ai suoi “amici” in questa vicenda di cominciare ad agire in modo più limpido, a partire dal ominciare a dichiarare i propri rapporti di affinità/affari/collaborazione (anche politica) con le parti in causa.
            Cosa che in questa vicenda invece rimane costantemente nel torbido: tonnellate di comunicati stampa, interventi, rilanci e “rumore” fatte da persone che si mascherano dietro nomi di associazioni, partiti politici, studi medici e via discorrendo, ma che altro non sono che parenti/fidanzati/amici/soci di una delle parti in causa.

            O dico sciocchezze?

  2. Paolo Roat

    11 Marzo 2015 alle 14:24

    Se ci fosse qualcuno a Roma che può attivarsi. Dovremmo fare come a Basiglio per liberare questo bambino https://www.ccdu.org/comunicati/la-mobilitazione-di-basiglio-ha-pagato “La mobilitazione di Basiglio ha pagato!!” …

  3. Gisella

    11 Marzo 2015 alle 21:50

    Ma la madre da cui è stato protetto il bambino mediante l’allontanamento è quella politica IDV che organizzava congressi contro la protezione dei bambini dalla PAS insieme al suo avvocato Coffari Andrea?

    • Maranga

      27 Marzo 2015 alle 1:21

      Esatto. Ma il suo attivismo politico-giornalistico è nato solo dopo i suoi problemi giudiziali.

  4. alessandro

    12 Marzo 2015 alle 13:41

    Il caso mi coinvolge emotivamente, io non conosco la storia e soprattutto i genitori coinvolti, ma posso affermare che laddove si accerti la Pas il genitore alienante secondo me deve e dico deve essere immediatamente allontanato dai figli per non continuare a condizionali negativamente ad instaurare un rapporto sereno con l’altro genitore. Io sono uno di quelli che chiederei di introdurre la Pas come reato pena l’arresto senza discriminazioni tra uomo e donna. UN FIGLIO E’ UN DONO DI DIO ED IN QUANTO TALE LA SUA MENTE E’ INVIOLABILE, SE UN GENITORE SÌ PERMETTE DI ESSERE ALIENANTE ALLORA I GIUDICI HANNO IL DOVERE DI FERMARLO ANCHE COLLOCANDO IL MINORE PURTROPPO IN CASA FAMIGLIA, PER IL SUO BENE, CONSENTendogli DI AVERE un RAPPORTO CON L’ALTRO GENITORE CHE subisce l’alienazione e diversamente non riuscirebbe a vederlo.
    io sto passando una situazione simile in prima persona e credetemi non vedo i miei figli da circa 2 anni, ho imparato a vivere anche senza di loro, ma per accettare quasi totalmente questa situazione per non soffrire e deprimenti ho dovuto farmi sostenere psicologicamente, però continuerò a combattere pacificamente e legalmente finché dio mi dara’ forza per arrivare a reinstallare un rappor
    O sereno con i miei figli

    • Andrea Mazzeo

      12 Marzo 2015 alle 20:36

      Che noiosi con questa storia della PAS. Ma vivete nel passato? Vivete in un universo parallelo?
      Nel 2012 il Ministro della Salute ha dichiarato ufficialmente che la PAS non ha alcun fondamento scientifico:
      http://www.alienazionegenitoriale.org/docu/borghesi.pdf
      Nel 2013 la Suprema Corte di Cassazione ha annullato una sentenza della Corte di Appello di Venezia, che aveva modificato l’affidamento del bambino in base alla presunta PAS, con la motivazione che in ambito giudiziario non si possono prendere decisioni basate su concetti privi di fondamento scientifico:
      http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/9073.pdf
      Sempre nel 2013 è stato pubblicato il DSM-5 (versione italiana nel 2014) che ha escluso la PAS dai disturbi mentali.
      Nel 2014 il Tribunale Civile di Milano non ha nemmeno ammesso la CTU basata sulla PAS con la motivazione che la PAS è priva di fondamento scientifico:
      http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/11453.pdf
      Per non parlare delle dichiarazioni del Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, del Presidente della Società Italiana di Psichiatria, del Presidente della Società Italiana di Pediatria, del Presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, ecc, tutte contrarie al concetto di PAS:
      http://www.alienazionegenitoriale.org/docu/rifiuto.pdf
      Ma di cosa state parlando? Del sesso degli angeli? Degli asini che volano?
      Si comprendono le situazioni personali, i coinvolgimenti emotivi, ma non fino al punto di stravolgere la realtà; e la realtà è che la cosiddetta PAS non esiste, i cosiddetti comportamenti alienanti non esistono.
      Esiste, ed è grave, la manipolazione psicologica del minore; ma questo è un reato (maltrattamento del minore) e i reati in Italia li accerta il giudice penale in un regolare processo, con diritto del genitore accusato a potersi difendere con un suo legale di fiducia. Uno psicologo, un CTU, un’assitente sociale, non hanno alcuna competenza giuridica per poter accertare un reato penale, non rientra nei loro poteri. Quindi fuori i CTU (che tra l’altro costano molto, la giustizia penale è gratuita, solo le spese per l’avvocato) da queste vicende; se un genitore ritiene che il figlio sia stato manipolato psicologicamente dall’altro genitore la sede in cui far valere i propri diritti è il tribunale penale; faccia denuncia alla Procura e ci penseranno i giudici a fare giustizia, non lo psico-coso di turno, sia pure CTU.

      • Maranga

        27 Marzo 2015 alle 1:58

        Dott. Mazzeo,

        Lei con fine esercizio intellettual-retorico, fa passare una cosa per un altra.
        Apparentemente lodevole la sua dedizione nell’allegare fonti documentali, ma molto meno lodevole la sua furbizia di “nascondere” una frase chiave nel suo discorso, priva di fondamento e di dimostrazione ma centrale nel sostenere la sua tesi.

        “i cosidetti comportamenti alienanti non esistono”.

        Ebbene caro dott., forse dovrebbe studiare un po’ di più, anche la lingua italiana peraltro.
        Che la PAS sia un concetto parascientifico (non pseudoscientifico, peraltro) non implica che non esista, bensì che non sia dimostrabile o che la sua dimostrazione non sia condivisa/falsificabile. In particolare che la PAS non sia riconosciuta nei DSM e simili fonti significa ESCLUSIVAMENTE che tale concetto non è riconducibile alla fattispecie di Patologia o Sindrome, quindi non è riconducibile ad un quadro sintomatico preciso e non è caratterizzabile da un eziologia definita.
        Quindi non è diagnosticabile.

        TUTTO CIO’ NON COMPORTA NELLA MANIERA PIU’ ASSOLUTA che al mondo non esistano comportamenti violenti o aberranti verso i figli, che inducano in loro conseguenze comportamentali di tipo alienante.
        Che persino il semplice buon senso ci fa capire essere possibili, al di là dell’inquadramento psicopatologico che se ne possa fare.

        In poche parole, anche se non esiste o non è accettabile / utilizzabile in ambito medico e forense il concetto di sindrome PAS, ciò non toglie che comportamenti figlio-genitore defibili come “alienati” sono possibili e ben noti, studiati e circostanziati.
        Nello stesso DSM sono riconosciuti anche se ricondotti ad una fattispecie diversa e più generica.

        Prova ne sia, su base statistica, la constatazione che i comportamenti di rifiuto verso il genitore si verificano pressochè sempre e solamente in casi di genitori separati e litigiosi, e sempre nei confronti del genitore in posizione debole (cioè quello la cui possibilità di interazione col figlio è compressa da tempi e situazioni sfavorevoli).
        Non si verificano mai simili comportamenti di rifiuto verso un genitore in famiglie solide, ed anche in famiglie separate e litigiose, non si verificano mai nei confronti del genitore affidatario. Chissà perchè.

        (E comunque lo status della PAS è oggetto di dibattito come spesso accade per le psicopatologie in genere, e non è affatto un “asino che vola” come lei presuntuosamente afferma, genio della psichiatria con centinaia di pubblicazioni peer-reviewed… come no!)

  5. dadtux

    17 Marzo 2015 alle 9:04

    Incredibile il commento di Mazzeo. Dice che la PAS non esiste, e subito sotto dice che però la manipolazione psicologica esiste. Ma che differenza c’è tra queste due cose? Viene in mente il proverbio “se non è zuppa è pan bagnato”…

  6. Maranga

    27 Marzo 2015 alle 2:12

    Ma questo è quello che racconta la madre. Una versione che fa acqua da tutte le parti, tant’è che fu la madre stessa a sottrarre il minore.
    E a rendersi protagonista (è agli atti) di una sequela interminabile di mancate ottemperanze ai disposti del giudice, anche quando il piccolo non era certo “un ragazzone di 12 anni”.

    Poi come si permette lei di diffamare una delle parti in causa con frasi tipo “sembra che il padre abbia picchiato il bambino”… ma cosa significa “sembra”? sembra A CHI? su quali basi? notizie fornite DA CHI?
    Bell’esempio di professionalità da terzo mondo, pronunciare frasi simili prive di riscontro e fin troppo tipiche di uno scambio di accuse non verificabili tra genitori separati e litigiosi.
    Lei, con frasi simili, non solo si dimostra non all’altezza della sua professione, ma dimostra di scendere al livello dei due genitori contendenti e di gettare benzina sul loro scontro. Complimenti.

    Comunque: Ammesso e non concesso che sia il piccolo a non volere il padre, da quando ha pochi mesi (!), e che la madre si sia limitata ad “adeguarsi” al volere del piccolo (?!?!?!), ma a lei pare “normale” che un figlio rifiuti il padre in questo modo, senza che vengano riferiti (nemmeno dalla madre) comportamenti non consoni del padre che possano provocare tale rifiuto del figlio?

    Le pare che sia una cosa frequente, che ricade nella norma e non merita di essere indagata ed in qualche modo spiegata identificando i “fattori esterni” che provocano questi comportamenti del piccolo?

    Ora lei afferma di conoscere da vicino il caso, ma non è in grado di spiegare la cosa più basilare, cioè il perchè questo piccolo rifiuti il padre.
    Ebbene, sembrerebbe che invece il tribunale competente a questa banale domanda abbia già dato più volte una risposta.

    Lei può anche ignorarla, forse perchè è coinvolto (visto che dice di conoscere il caso da vicino), ma il resto del mondo no.

  7. Sabrina Soster

    12 Aprile 2019 alle 21:46

    Sapete com’è finito poi il caso ? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto