Un tavolo permanente Comune-Università

La richiesta del Pd

Shares

università rettoratoLATINA – Un tavolo permanente con l’Università per per discutere i problemi dell’Ateno di Latina e seguirne da vicino la vita. E’ l’idea del Capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale a Latina Alessandro Cozzolino, che ha incontrato una delegazione degli universitari pontini : “Da questo incontro è nata la necessità di creare un contatto continuo tra amministrazione locale e rappresentanti universitari. Nei prossimi giorni, noi del PD, presenteremo una richiesta di istituzione di un tavolo permanente dedicato all’Università della città”.

Secondo Cozzolino chi meglio degli studenti di Latina e dei fuori sede conosce le problematiche del  polo universitario? Dunque occorre “valutare le loro proposte e idee per la crescita dell’università pontina.”

“Le problematiche sollevate dalle numerose rappresentanze universitarie (di ogni provenienza politica) – afferma Alessandro Cozzolino, Partito Democratico – sono ormai le stesse da anni e vanno dai parcheggi alle mense per finire con la casa dello studente. Ma i ragazzi ci chiedono anche di collaborare su progetti che riguardano la città e che loro, attraverso le loro conoscenze e i loro saperi possono realizzare per l’amministrazione comunale. Proprio per questo i rappresentanti degli studenti hanno fatto emergere con grande chiarezza la necessità di avere un confronto continuo tra il mondo universitario e l’amministrazione comunale, delusi da molte promesse rimaste solo su carta e mai trasformate in realtà. Senza un assessore alla Cultura pensiamo sia doveroso, da parte della maggioranza, istituire un tavolo permanente di cui facciano parte il Sindaco (o un suo delegato) e la commissione cultura da una parte e i rappresentanti dei professori e degli studenti dall’altra”.

All’incontro era presente anche Marco Cepollaro. dirigente dell’ass. Sapienza in Movimento e coordinatore provinciale del PD (delega allo sviluppo economico): “I nuovi presupposti per lo sviluppo dell’università, spiegati e condivisi nell’incontro – afferma Cepollaro dell’ass. SIM -, ci spingono a fare un passo avanti e ripensare completamente il rapporto città-cultura-economia per far nascere una forma di capitalismo culturale che permetterà di attribuire vantaggio competitivo ad un capitale estremamente presente: i nostri universitari e le loro competenze”.

La cabina di regia nella proposta del Pd sarebbe composta da studenti universitari,  sindaco e membri della commissione cultura, dal corpo docente e dai rappresentanti delle principali associazioni di categoria per “stabilire delle linee programmatiche di sviluppo, fornendo una vera e propria giuda per gli interventi che necessariamente dovranno aver luogo se vogliamo gettare le basi per la creazione di una città universitaria”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto