“A processo Galetto e Del Balzo”. La Procura di Roma chiede il rinvio a giudizio dei due ex consiglieri regionali pontini del Pdl

Al centro dell'inchiesta i rimborsi per spese personali o false

galetto-stefanodelbalzoLATINA – Una serie di fatture gonfiate e di spese personali sono al centro della richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla Procura di Roma  per quattro ex consiglieri del Pdl Lazio, tra cui i pontini Stefano Galetto e Romolo del Balzo. Il pm Alberto Pioletti e il procuratore aggiunto Francesco Caporale che avevano condotto l’inchiesta e rappresentato la pubblica accusa nel caso Fiorito, hanno appena firmato una richiesta di rinvio a giudizio per  i due politici di Latina e Minturno, consiglieri pidiellini ai tempi della giunta guidata da Renata Polverini.

Secondo l’accusa –  tra febbraio 2010 e luglio 2012 – Galetto avrebbe ottenuto con il sistema dei rimborsi,  finanziamenti per l’Unione Rugby Pontina. Per lui l’accusa è di peculato perché secondo gli inquirenti avrebbe girato circa 90 mila euro dal conto corrente intestato al gruppo consiliare Popolo della Libertà al conto dell’associazione sportiva.  Romolo Del Balzo invece sarebbe riuscito ad ottenere  quasi 40 mila euro, presentando «generiche richieste di rimborso per spese anticipate e in realtà false, perché di valore notevolmente inferiore alla documentazione contabile prodotta».

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto