Gambizzato ad Aprilia, madre e figlio condannati

Derubricato il reato da tentato omicidio in lesioni. I fatti risalgono a ottobre

tribunale-intero-1APRILIA – Madre e figlio sono stati condannati oggi dal Tribunale di Latina per la gambizzazione di Vittorio Zappone, 50 anni di Aprilia, ferito da un colpo di pistola in via Londra lo scorso ottobre. Il collegio penale presieduto dal giudice Pierfrancesco De Angelis ha condannato Giuseppe Costantini a cinque anni e sei mesi di reclusione e la madre Carmela Zappone a due anni e mezzo derubricando il reato da tentato omicidio in lesioni. Secondo la ricostruzione dei carabinieri la vittima dell’agguato fu colpita alla coscia da un colpo di pistola esploso da una persona che era scappata a bordo di un’auto guidata da uomo con il volto parzialmente coperto, la vittima aveva riferito che ad aprire il fuoco era stato il nipote, aiutato dalla madre. Alla base del gesto dei dissidi di natura familiare.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto