Aperta la rotatoria sulla Pontina nei pressi di viale Le Corbusier

Il 14 agosto sarà fruibile anche il sottopasso di collegamento tra i quartieri nuovi e il centro cittadino

sottopasso le corbusier

LATINA – Da questa mattina è aperta nei due sensi di marcia la rotatoria sulla strada regionale 148 Pontina, angolo viale Le Corbusier nei pressi del capoluogo pontino. “Un’operazione – dichiara in una nota Antonio Mallamo, amministratore unico di Astral, società della Regione Lazio –  che permette di snellire ulteriormente il traffico e di migliorare la viabilità in un incrocio da sempre particolarmente difficile”. Il 14 agosto sarà  fruibile anche il sottopasso di collegamento tra i quartieri nuovi e il centro cittadino. La nuova opera viaria è stata realizzata in breve tempo grazie alla collaborazione tra l’amministrazione comunale, la Regione Lazio e l’Astral.

“L’entrata in funzione di questo nuovo svincolo – sottolinea il consigliere regionale pontino Enrico Forte  – avviene con 48 giorni di anticipo rispetto alla scadenza del 24 settembre, circostanza che dimostra chiaramente il cambio di passo nel governo del territorio e delle sue esigenze da parte dell’amministrazione Zingaretti. Questo progetto, pensato nel 2006 il progetto e divenuto successivamente oggetto di un accordo di programma, è stato approvato in maniera definitiva a novembre 2013 dall’Astral e realizzato grazie ad un intervento finanziario della Regione Lazio senza il quale non sarebbe stato possibile portarlo a termine. Il sottopasso è collocato in un punto particolarmente pericoloso della Pontina e consentirà a tutti i residenti in Q4 e Q5 di utilizzare lo snodo sottostante, dotato peraltro di una pista ciclabile e di un percorso per non vedenti, per recarsi in centro. Tale percorso alternativi alleggerirà il traffico sulla 148, che nel tratto in questione è stata oggetto di alcuni interventi di messa in sicurezza quali l’eliminazione dell’impianto semaforico all’incrocio con viale Le Corbusier e la realizzazione di alcune rotatorie”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto