da Fossanova a Roma per riscoprire se stessi

Camminando lungo la Via Francigena dove “All’ulivo si abbraccia la vite”

Chiacchierata con Francesco Ciccone, il violinista che guida i turisti sull'antica strada dei pellegrini

ciccone2LATINA –  Percorrere la Via Francigena “per riunire sotto un’unica chiave di lettura un territorio che sembra variegato e distinto, ma non lo è. Un’opportunità per riscoprire l’identità comune di questi luoghi”. Lo dice Francesco Ciccone, musicista, violinista, appassionato di folk e di musica antica e popolare, che con la cooperativa Il Sentiero guida i nuovi pellegrini da Fossanova a Roma. Cento chilometri ricchi di storia e di storie, sconosciuti, ma vicinissimi a casa per chi vive in provincia di Latina (da percorrere magari divisi in tre fine settimana) e che offrono l’occasione di ritrovarsi e meditare:  “Un balsamo per chi ha volontà di camminare e pazienza di osservare”, aggiunge.

Proprio questo percorso ha ispirato a Ciccone un racconto che  – notizia di oggi  – è arrivato secondo alla XXIII Edizione del Premio Piemonte Letteratura nella sezione Narrativa breve sul tema Identità e Territorio. L’opera è intitolata “Dove all’ulivo si abbraccia la vite…” e riassume in un’immagine bucolica i luoghi che si incontrano passeggiando lungo la via Francigena.

Ascolta

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto