ballottaggio

Forza Italia: “La città vuole un cambiamento reale”

"Con Calandrini tutto rimarrà come prima"

Shares

calvi di rubboLATINA – Si è svolto ieri un incontro tra il coordinatore provinciale di Forza Italia, Giuseppe Di Rubbo, il candidato sindaco della coalizione Alessandro Calvi e tutti i candidati della lista, nel corso del quale è emersa la volontà già espressa nel precedente incontro.

“Il candidato sindaco Nicola Calandrini ha confermato quanto da noi sostenuto in campagna elettorale, ovvero di non volere l’unità del centro destra, di considerare Forza Italia un nemico da abbattere e nel migliore dei casi un serbatoio di consensi da utilizzare a proprio uso e consumo, non è stato cercato e voluto un confronto alla luce del sole su temi, programmi, progetti per tentare di ricostruire un centro destra unito”.

E non mancano le accuse: “A nulla è servito il tentavo, tipico della vecchia politica, da parte di esponenti della coalizione di Calandrini, di convincere i singoli candidati, Forza Italia continua ad essere un partito coeso, coerente con le proposte fatte in campagna elettorale in cui ha deciso di presentarsi autonomamente. Oggi prendiamo atto della decisione dei cittadini, ci collocheremo serenamente all’opposizione. Lavoreremo per rafforzare e costruire un partito aperto, basato sui valori di Forza Italia, partendo da tutte le persone che credono in noi, con spirito critico e di rinnovamento, per renderlo il cuore di un centrodestra sempre più radicato e pronto a governare la prossima volta”.

“Riteniamo di aver tracciato un reale percorso di cambiamento senza rinnegare i valori i principi e le azioni svolte da Forza Italia in questi anni, a differenza di chi oggi si pone come nuovo ma in realtà è in perfetta continuità  con l’amministrazione Di Giorgi, proponendo le stesse proposte ( metro- porto- latina ambiente), le stesse persone, ricordiamo che il candidato sindaco Calandrini, è stato non solo presidente del consiglio ma anche segretario provinciale del partito di Di Giorgi, che lo stesso Di Giorgi sarà probabilmente assessore, che il vice-sindaco e molti degli assessori saranno gli stessi o peggio ancora saranno calati da Roma come avvenuto in passato.

Sulla base di queste valutazioni, l’assemblea ed il partito, pur lasciando la libera determinazione ad ogni elettore di Forza Italia, sono consapevoli che la città, con il voto di queste elezioni amministrative e con il voto del 19 giugno, vuole esprimere una volontà di cambiamento radicale, soprattutto nelle persone, provando a valutare una offerta politica fatta da soggetti che, a partire dal primo cittadino, non hanno mai ricoperto ruoli politici e che questa volontà è giusto che vada rispettata”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto