elezioni regionali 2018

Latina, due new entry tra i candidati nella Lista Civica Zingaretti

Sono Simona D'Alessio e Luigi Ferdinando Giannini

LATINA – Simona D’Alessio e Luigi Ferdinando Giannini sono le due new entry di Latina tra i sei candidati alle pontini prossime elezioni regionali del 4 marzo nella Lista Civica Zingaretti Presidente. Domani, giovedì 1 febbraio alle 18, si presenteranno in una conferenza stampa convocata presso il Museo Giannini Spazio D’Arte di Via Oberdan (ex tipografia Ferrazza), dando il via ad una campagna elettorale congiunta. Si aggiungono alla consigliera uscente Rosa Giancola, e ai candidati Gennaro Di Fazio, Edvige Gioia e Lucio Pavone espressione del resto del territorio provinciale.

CHI SONO  – Simona D’Alessio è nata a Latina, è sposata con Piergiorgio Ensoli e ha due figli. Da quasi vent’anni lavora presso il CESV Lazio (Centro Servizi per il Volontariato), per il quale è responsabile locale del Servizio Civile Nazionale dal 2004 e da circa 10 anni è volontaria presso l’associazione di promozione sociale Nova Urbs che si occupa di contrastare la povertà educativa, attivando percorsi di intercultura per cittadini italiani e stranieri, socialmente vulnerabili. Tra il 2008 e il 2011 ha fatto parte del coordinamento regionale di Libera, Associazioni, Nomi e Numeri contro le Mafie .

Luigi Ferdinando Giannini, commercialista e revisore legale dei conti, è sposato con Ornella Pellicone e ha una figlia. Una lunga esperienza nel settore delle politiche abitative, quale referente provinciale dell’Associazione Sindacale Piccoli Proprietari Immobiliari (ASPPI), della quale è stato anche presidente nazionale, impegnandosi per l’elaborazione di politiche a favore del diritto alla casa, su tutte l’housing sociale e i canoni concordati, in grado di tutelare sia le classi svantaggiate, sia la piccola proprietà. Insegna al Vittorio Veneto nel corso serale, agli adulti e ai nuovi italiani, è stato presidente della Fondazione Campus Internazionale di Musica, ed è segretario generale della Fondazione Roffredo Caetani.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto