Covid-19

Dpcm Liquidità, Federlazio denuncia: “Accesso al credito impossibile per le imprese”

In banca dinieghi, difficoltà e inspiegabili motivazioni

LATINA – Accesso al credito difficile per le imprese pontine. Lo denuncia Federlazio in una nota in riferimento  alle agevolazioni previste dal DPCM “Liquidità” parlando di “incomprensibili dinieghi da parte delle banche, ingiustificate difficoltà nel comunicare le informazioni necessarie per formalizzare le domande di finanziamento, fino ad arrivare in alcuni casi alle più inspiegabili motivazioni per far desistere l’imprenditore dall’inoltro della richiesta”. Si tratta come è ormai noto dei finanziamenti fino a 25.000 euro con garanzia al 100% e per importi superiori con garanzia al 90%, che può arrivare al 100% con l’intervento dei Consorzi Garanzia Fidi (Confidi).

“A tutti è chiaro  – si legge in una nota di Federlazio – come tali strumenti finanziari siano indispensabili alla maggior parte delle aziende per contenere gli effetti negativi del calo di fatturato determinato dal rallentamento, se non addirittura dalla sospensione, di molte attività imprenditoriali come conseguenza dell’emergenza Covid-19. Ebbene questi strumenti hanno un loro valore, e ciò è stato sottolineato più volte, se attivati in tempi rapidi e comunque certi”.

Per Federlazio “non è più sufficiente il lavoro importante che le Associazioni di Categoria, con i Consorzi di Garanzia, stanno facendo per informare e supportare le imprese nel far conoscere i provvedimenti e nell’aiutarle nella fase istruttoria, se gli istituti di credito non rispondono con altrettanta disponibilità e celerità”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto