la replica

Nonnismo al 70° Stormo di Latina, replica l’Aeronautica: “Inchiesta avviata da noi”

Gulia Jasmine Schiff ha denunciato provvedimenti disciplinari vessatori sfociati nell'espulsione dalla Forza Armata

LATINA – Fa discutere e divide il caso della sergente dell’aeronautica militare che ha denunciato atti di nonnismo nell’aeroporto militare “Giulio Cesare Graziani” di Latina Scalo sede del 70° Stormo, avvenuti dopo il brevetto di volo: prima una sorta di iniziazione, la cosiddetta spinguinatura con tanto di tuffo in piscina che non è piaciuto per nulla alla giovane pilota e poi una serie di provvedimenti disciplinari nei suoi confronti sfociati nell’espulsione avvenuta per insufficiente attitudine militare il 6 settembre del 2018. E’ quanto ha denunciato  Gulia Jasmine Schiff, veneziana, 20 anni, arrivata 4° su 2000 partecipanti al concorso per la selezione di dieci allievi ufficiali di complemento, sostiene di essere stata espulsa dalla Forza Armata a seguito di comportamenti vessatori.

In una nota replica l’Aeronautica Militare: “La vicenda era nota e c’è un’inchiesta interna in corso, ma non accettiamo strumentalizzazioni”, si legge in una nota spiegando che nella Forza Armata  non si ammettono “comportamenti in qualunque modo correlabili al fenomeno del nonnismo, che – al contrario – l’Aeronautica condanna e persegue con fermezza”.

“Quanto alla vicenda dell’ex allieva ufficiale pilota di complemento  – si legge ancora nella nota ufficiale – si precisa che la vicenda era già nota, tanto che la Forza Armata, il 5 ottobre scorso 2018, ha denunciato il fatto all’Autorità Giudiziaria competente, disponendo contestualmente l’esecuzione di un’inchiesta sommaria, come previsto dalla vigente normativa di settore”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto