sulla vittima una "taglia" da 20 euro

Tredicenne picchiato a sangue nel centro di Latina per un’amicizia virtuale stretta durante il lockdown

La polizia ha denunciato un sedicenne per lesioni e minacce

LATINA – Andare in giro in bicicletta nel centro di Latina e trovarsi davanti un bullo di tre anni più grande che ti rompe il naso per un’amicizia virtuale nata durante il lockdown. E’ quanto accaduto a Latina nei giorni scorsi a un tredicenne sulla testa del quale era stata anche messa una taglia da 20 euro. Follia.

Il provvedimento è scattato dopo le indagini condotte dalla  Squadra Mobile di Latina, che è riuscita a ricostruire la brutale aggressione scatenata dalla conoscenza stretta sui social network tra il tredicenne e una coetanea infatuata di lui e non corrisposta. Comincia così una vera e propria persecuzione attraverso continui messaggi su Instagram e Tik Tok, dove viene ripetutamente offeso e minacciato anche dal sedicenne che arriva addirittura a offrire 20 euro, a chiunque riesca a portagli sotto casa il tredicenne da “punire” per aver rifiutato la ragazza.

L’epilogo si verifica in strada qualche giorno fa, quando il sedicenne incontra l’altro in bicicletta in Via Emanuele Filiberto e lo aggredisce violentemente prendendolo a calci e pugni, provocandogli la frattura delle ossa nasali refertata al pronto soccorso del Goretti  “con deviazione del setto ed emorragia sottorbitaria”.
Scatta la denuncia, i poliziotti raccolgono la testimonianza e acquisiscono gli screenshot dei messaggi tra i ragazzi e denunciano al Tribunale dei Minorenni il bullo che dovrà rispondere di lesioni personali e minacce.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto