Reperti archeologici riconsegnati alla comunità terracinese

Erano stati sequestrati dalle Fiamme Gialle in casa di due fotografi del posto. Anche un Dolio di circa due metri

Anfore romane

TERRACINA  – Erano stati rinvenuti e sequestrati dalla Guardia di Finanza nel mese di marzo a casa  di una coppia di fotografi del posto. Si tratta di 21 reperti, alcuni dei quali risalenti al periodo compreso tra il II secolo a.C. e il IV secolo d.C., tra cui anfore, lingotti di piombo e un Dolio di circa due metri perfettamente conservato. Reperti archeologici che sono stati riconsegnati questa mattina alla comunità terracinese.

“La capacità di contenimento del Dolio – afferma il tenente colonnello Andrea Bello, comandante del Gruppo della Guardia di Finanza di Formia – è stata calcolata attorno ai 1000 litri, equivalenti a circa 40 anfore, ed evoca i grandi recipienti destinati prevalentemente ad accogliere vino, così come citano Catone e Columella. Al recupero dei reperti archeologici hanno concorso diverse istituzioni, dall’autorità giudiziaria che ha permesso di rinvenire i reperti e concesso il nulla osta per la restituzione dei beni, all’amministrazione comunale di Terracina, che oggi insieme all’intera popolazione terracinese potrà usufruirne liberamente”.

“E’ un altro tassello della storia ultra millenaria di Terracina che ritorna al suo posto, che è quello di tutti, della città, e non più la villa di un privato – dichiara il sindaco Nicola Procaccini – che chissà com’è riuscito a trafugare un pezzo di questa storia. Ma è anche il primo tassello di una straordinaria operazione che tra qualche mese sarà svelata alla cittadinanza: la realizzazione del museo dei bonificatori, posto all’interno di Palazzo Braschi, il quale accoglierà anche una parte importante del nostro deposito archeologico finalizzato allo studio. Ringrazio, infine, la Guardia di Finanza, la Tenenza della Guardia di Finanza di Terracina, con il suo comandante Fabiana Cretì, e il personale della struttura comunale che ha lavorato per la buona riuscita dell’operazione”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto