la lettera

Canile in affanno, gli operatori: “Siamo senza soldi, il Comune non paga”

Quattro mesi di arretrato per i 700 cani in cerca di padrone

LATINA – Gestiscono 700 cani abbandonati e in cerca di una casa vera, ora sono anche in crisi di liquidità e non sanno come pagare fornitori, medicinali, cibo e stipendi. A metà maggio, gli operatori dell’Associazione Amici del Cane di Latina che gestisce il canile comunale, lanciano un allarme: “Il Comune tarda con i pagamenti spettanti, da gennaio a oggi ancora non è stato versato alcun contributo”. Fino ad oggi il canile ha vissuto con le donazioni dei privati e con i fondi del 5×1000 che oggi, a metà maggio, sono pressoché terminati.

La lettera con la quale l’Associazione “vuole informare i cittadini” si rivolge direttamente al Sindaco al quale si chiede “di comprendere che i notevoli ritardi nell’erogazione dei fondi hanno bloccato, tra le tante cose, anche i lavori di adeguamento dei locali richiesti dalle ASL, affinché il Canile Comunale possa divenire oltre che un rifugio degli amici a quattro zampe randagi anche un Canile Sanitario che controlla lo stato di salute dei pelosi accalappiati”. Internalizzando il servizio svolto oggi da una clinica veterinaria, infatti, secondo i volontari si spenderebbe la metà.

“I volontari hanno resistito finora perché proteggono chi non ha voce, perché il loro fine è quello di fare il meglio per gli amici a quattro zampe più sfortunati, ma le loro forze si stanno esaurendo e chiedono un intervento tempestivo che porti a regolarizzare il tutto”.

 

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto