PEPPINO IMPASTATO TOUR
Spettacolo al Circolo Hemingway

Peppino Impastato a Cinisi sotto Radio Aut

Peppino Impastato a Cinisi sotto Radio Aut

LATINA – Giovedì 24 Ottobre, alle 22.30, al Circolo Hemingway in Piazza A. Moro 36  a Latina (Circolo Enal) va in scena “Aut. Il sogno di Peppino. Attualizzare Impastato” nell’ambito del tour Peppino in Movimento.  L’ingresso è a prenotazione (i posti sono posti limitati). Per farlo si può chiamare il 3933364694

L’attore in scena canta con l’accompagnamento del flauto di Federico Ancona: “Facciamo finta che tutto va bene!”. Perché troppo spesso è questo l’atteggiamento di molti di fronte ai delitti e alle nefandezze della mafia e del sistema politico corrotto”.  Peppino Impastato ha combattuto per tutta la sua vita e Giulio Bufo, attraverso l’arte della parola, la gestualità e la sua singolare capacità vocale, cerca di fare lo stesso in teatro oggi.

Lo spettacolo, dopo l’esordio e la messa in scena a Cinisi, all’interno dei Casa Badalamenti/Casa 9 Maggio davanti ai compagni storici di Peppino, Salvo Vitale e Faro Di Maggio, dopo essere stato rappresentato in diverse situazioni da centri sociali occupati a scuole e di fronte ai parenti delle vittime di mafia pugliesi, riprende il suo viaggio per l’Italia “Aut-Il sogno di Peppino” è uno spettacolo che riscopre il Peppino Impastato rivoluzionario. Cogliendo il collegamento della mafia con il sistema capitalistico, riscopre lo spirito politico della vita militante di Peppino, rendendo lo spettacolo stesso intrinsecamente militante.

Le lotte sociali di Peppino, la sua partecipazione a fianco delle occupazioni dei contadini contro la costruzione della terza pista dell’aereoporto di Punta Rais, richiamano le lotte dei No Tav e quelle del No Mous. Lo spettacolo trae  – spiegano dall’Hemingway – il proprio significato politico dalla riflessione di Impastato, attualizzandola alle lotte del presente ed avvicinandolo alla gente che continua a portare avanti certe battaglie: diritto di cittadinanza, libera circolazione,  tutela del territorio,  bene comune e altro ancora”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto