Brucia con la sigaretta la ex, poi la violenta: arrestato appena scende dall’aereo

Un uomo di Formia fermato a Fiumicino. La polizia: "Violenze inaudite"

FORMIA – Brucia con la sigaretta la ex poi la obbliga ad un rapporto orale. E’ stato arrestato  nella tarda serata di ieri a distanza di tre mesi dai fatti, all’aeroporto di Fiumicino, S.C.D. un trentenne di Formia, di rientro dall’Inghilterra. L’uomo secondo quanto denunciato dalla giovane donna che aveva avuto con lui una relazione sentimentale, a causa della sua tossicodipendenza, aveva cominciato a chiederle denaro sempre più spesso, somme di cui lei non disponeva. Per questo  erano cominciate le violenze fino al culmine con l’episodi avvenuto in estate: non avendo denaro da consegnare la giovane era stata prima presa a calci e pugni e poi violentata dopo aver subito due bruciature sulla coscia provocate con un mozzicone di sigaretta.

Un comportamento che si è scoperto era adottato anche in famiglia, nei confronti della madre e dalla sorella dell’uomo che aveva minacciato di morte usando una barra di ferro. Ieri sera non appena sceso dall’aereo che lo riportava a casa il trentenne è stato eseguito il provvedimento cautelare disposto dal gip del Tribunale di cassino. L’uomo si trova  nel carcere di Civitavecchia.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto