la nota

Roma-Latina, il rinvio del Consiglio di Stato ritarda ma non ferma i cantieri

L'ex sindaco di Latina Zaccheo: "Progetto vitale per la nostra economia"

LATINA – «Il rinvio della decisione del Consiglio di Stato sul ricorso riguardante l’appalto per la realizzazione della Roma-Latina, ritarda ancora una volta l’avvio dei cantieri di un’opera strategica per la nostra comunità ma non ferma un progetto vitale per l’economia e lo sviluppo del nostro territorio. A tal proposito la pubblicazione dell’avviso pubblico, apparso sul Corriere della Sera del 21 aprile scorso – relativo alla proroga del vincolo preordinato all’esproprio delle aree necessarie alla realizzazione del Corridoio Interregionale Roma-Latina e delle relative opere complementari per il miglioramento della mobilità della città – è motivo di personale soddisfazione perché conferma la volontà di Autostrade del Lazio di dare avvio al più presto ai cantieri».

Così l’ex Sindaco di Latina, Vincenzo Zaccheo, coglie l’occasione per  ricord

are, il confronto politico istituzionale avuto con la Regione Lazio, il Ministero delle Infrastrutture ed i rappresentanti del territorio pontino, durante la sua amministrazione:  “Tutto questo – spiega Zaccheo – è stato possibile grazie alla capacità di saper ad avviare meccanismi di coesione territoriale basati sul dialogo con gli attori locali – istituzioni, sindacati, parti sociali – come mai accaduto prima. E’ importante ricordare ai cittadini che tutto ciò rappresenta la grande opportunità  di  uscire dall’ emarginazione e arrestare i ritardi storici che hanno segnato da sempre l’isolamento della città di Latina”. Zaccheo invita il Comune e i rappresentanti del Governo a vigilare sulla realizzazione dell’opera.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto