MALTEMPO, E’ SUBITO EMERGENZA
Alberi e rami caduti allo Scalo e sulle Migliare
Coldiretti: “Rischi per l’agricoltura”

fotoLATINA – Il nubifragio che nelle prime ore della mattina ha colpito la Capitale ha raggiunto Latina. Ed è già emergenza. Numerose le chiamate arrivate al centralino dei vigili del fuoco per alberi e rami caduti sulle strade. A Latina Scalo un grosso pino si è abbattuto su Via della Stazione in prossimità dell’incrocio principale della frazione, ostruendo completamente il passaggio alle auto. Stesso copione per Doganella, Via dell’ Acciarella, emergenze sono segnalate lungo le Migliare, tra la 52 e la 55 e a Terracina. Sono attese mareggiate sulle coste pontine con possibili trombe d’aria. Sulla Pontina, in corrispondenza di buche e avvallamenti si sono formati ristagni d’acqua.

ALLARME COLDIRETTI – “Le tempeste che accompagnano la nuova perturbazione – dice il direttore di Coldiretti Latina, Saverio Viola – hanno fatto salire l’allarme per i danni, tra perdite e maggiori costi, provocati all’agricoltura dall’andamento climatico straordinariamente anomalo del 2013 che è iniziato con una primavera estremamente piovosa ed è proseguito con una estate calda e asciutta che è stata però interrotta da forti nubifragi e grandinate che hanno colpito a macchia di leopardo l’intero territorio della provincia di Latina. A preoccupare le campagne in questo momento è infatti soprattutto la grandine – sottolinea ancora il direttore della Coldiretti – perché provoca danni insanabili alle coltivazioni, con effetti economici ed occupazionali sulle operazioni di raccolta di frutta e verdura e sulla vendemmia che fino d ora si è svolta in condizioni ottimali nella maggior parte del nostro territorio. Dove sono disponibili sono state stese le reti anti grandine a protezione della frutta per la raccolta ma ancora sugli alberi, ma altrove l’arrivo del maltempo rischia di far perdere un intero anno di lavoro. A sperare sono solo gli appassionati di funghi in una stagione che fino ad ora non è stata particolarmente favorevole alla raccolta. La nascita dei funghi per essere rigogliosa richiede però come condizioni ottimali terreni umidi senza piogge torrenziali e una buona dose di sole e 18-20 gradi di temperatura all’interno del bosco mentre le precipitazioni violente non aiutano”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto