Sezze: rapinano un connazionale, concessi i domiciliari

Oggi l'interrogatorio in Tribunale per due stranieri arrestati dai carabinieri

iansiti legge la sentenza

SEZZE – Sono stati concessi gli arresti domiciliari ai due romeni arrestati dai carabinieri con l’accusa di rapina ai danni di un connazionale. E’ quello che ha deciso questa mattina il giudice per le indagini preliminari Nicola Iansiti (nella foto a sinistra)  al termine dell’interrogatorio di convalida che si è svolto in Tribunale. I due indagati sono difesi dall’avvocato Sandro Marcheselli. La vittima dell’aggressione, si tratta di  un 38enne residente a Sezze, aveva riferito ai carabinieri che due uomini lo avevano invitato a salire sulla loro auto e successivamente in aperta campagna lo avevano picchiato. Nel giro di poche ore gli investigatori erano risaliti a Vasile Codrea, 24 anni, un operaio romeno residente in via del Guglietto  e a Gavril Motogna, 35 anni, anche lui residente a Sezze in via Corradini. Il bottino della rapina aveva fruttato un telefono cellulare e venti euro.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto