A Norma un’estate per imparare giocando

La consigliera comunale Nadia Dell’Omo: insegnare tramite la socialità e l’esperienza ludica

scuola-studentessaNORMA – Quando gioco e istruzione s’incontrano, nasce l’opportunità di esperienze preziose. E questo diventa ancora più vero, se personale qualificato si sobbarca del compito di arricchire e vivacizzare l’estate dei più giovani. Il settore delle Politiche Sociali del Comune di Norma promuove due progetti, “Obabaluba” e “Barbapapà”, e offre i locali della Scuola d’Infanzia in via Boezio Zaralli affinché si realizzino.

Dalle 9 alle 12 li aspetta “Obabaluba”, Centro di Aggregazione che adempie un progetto distrettuale focalizzato sugli interventi educativi territoriali, grazie all’impegno di tre educatori professionali e alla supervisione di uno psicologo. Dal 2 luglio al 13 agosto ci saranno laboratori artistici, attività ricreative, giochi di gruppo e – per i più grandi – il laboratorio di fotografia “Primi passi”, a cura dell’Associazione “Obiettivo fisso”. Il lunedì e il venerdì, infatti, sono riservati ai bambini dai 6 ai 9 anni, invece il mercoledì lascerà spazio a partecipanti dai 10 ai 15 anni.
Dalle 20.30 alle 23.00, “Barbapapà” – servizio di animazione estiva promosso per il terzo anno consecutivo – promette attività per tutti i sabati e le domeniche di luglio, ma anche un agosto pieno di appuntamenti: trenta serate con l’Associazione socio-culturale “L’Isola che non c’è”. Il servizio si rivolge a bambini dai 3 ai 9 anni e prevede sia progetti strutturati sia parentesi estemporanee, integrando possibilità formative a semplici esperienze ludiche: laboratori creativi e teatrali, cineforum, body painting e giochi musicali.

I progetti sono modulati in base all’età e alle esigenze dei piccoli partecipanti, attentamente valutate da personale esperto e qualificato, perché l’estate sia motivo di maturazione oltre che di svago. «Nonostante i programmi diversi – commenta Nadia Dell’Omo, Consigliera Delegata alle Politiche Sociali e alla Pubblica Istruzione – sono entrambi caratterizzati dalla comune volontà d’insegnare tramite la socialità e l’esperienza ludica. Non c’è modo migliore per spiegare ai bambini l’importanza di stare insieme e condividere conoscenza: l’estate rimane divertimento, ma acquista un valore didattico naturale e slegato dalla formazione cui sono soliti, senza creare rotture. Sono progetti che promuovono un tipo di continuità in cui abbiamo creduto e crediamo molto, per questo l’impegno in tal senso prosegue da anni».
Per ottenere ulteriori informazioni è possibile visitare il sito web del Comune di Norma (http://www.comune.norma.lt.it/), chiede delucidazioni all’ufficio Politiche Sociali dell’Ente oppure telefonare al numero 0773.352820-352821.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto