Avaria in alto mare, salvate cinque persone dalla Guardia Costiera

L'imbarcazione bloccata alla foce del Garigliano, anche due bambini a bordo

Shares

guardia costiera

MINTURNO – Erano usciti in mare con una imbarcazione di tredici metri, cinque persone tra cui anche un bambino di sei anni e uno di dodici, tutti del casertano, ma sono rimasti bloccati al largo della foce del Garigliano, a Minturno, a causa di un’avaria al motore.  Sono stati salvati, dopo aver lanciato l’allarme intorno alle 19 di ieri sera, dai militari della Guardia Costiera di Gaeta contattati al numero di emergenza 1530. Individuata la posizione dell’imbarcazione, sul posto è stata inviata la M/V Cp 856, unità specializzata nella ricerca e soccorso in mare, mentre, nel frattempo, il personale della Sala Operativa della Guardia Costiera di Gaeta, grazie ai sistemi di monitoraggio del traffico marittimo in dotazione, ha individuato un peschereccio, in navigazione nelle vicinanze dell’imbarcazione in difficoltà, “dirottandolo” in zona per immediata assistenza ai diportisti e per monitorare l’imbarcazione in attesa dell’arrivo della motovedetta della Guardia Costiera.

I militari della Guardia Costiera, dopo aver accertato il buono stato di salute delle persone a bordo, alcune delle quali, in particolare i bambini in evidente stato di agitazione, hanno scortato l’imbarcazione (rimorchiata dal motopesca), fino al porto di Castel Volturno.

Una situazione di pericolo che si è conclusa positivamente – spiegano i militari della Guardia Costiera –  anche grazie alla conoscenza e all’impiego del numero di emergenza 1530, attivo su tutto il territorio nazionale 24 ore su 24, che ha consentito un intervento immediato. “Tale intervento di soccorso si aggiunge ai quotidiani interventi che ogni giorno lungo gli 8.000 Km di coste italiane la Guardia Costiera effettua a garanzia della salvaguardia della vita umana in mare a favore di tutti i cittadini, italiani e stranieri, con mezzi aerei e navali. Si intensifica, intanto, l’ attività di polizia marittima dei militari della Guardia Costiera di Gaeta, per garantire la sicurezza della navigazione, della balneazione, nonché la corretta utilizzazione del pubblico demanio marittimo e la protezione dell’ecosistema marino. Due sanzioni amministrative, per un ammontare superiore ai mille euro, sono state elevate a carico di due soggetti, del casertano, che navigavano a motore con i rispettivi natanti da diporto in località Ariana (Gaeta), nella fascia riservata alla balneazione, in quanto con la loro condotta mettevano a serio rischio l’incolumità dei bagnanti lì presenti”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto