Appuntamenti

Una domenica di musica, arte e degustazione con Mad

Latina. Tre appuntamenti per il 21 giugno 2015

TatianalowLATINA – Una giornata di musica, arte e degustazione. Domenica 21 giugno MAD  presenta tre appuntamenti con l’arte contemporanea in sinestesia con la musica e l’enogastronomia.

Alle 13,00 presso Al Colonial di Via Terenzio il finissage della mostra di Tatiana Lapteva sarà accompagnato da un pranzo con le specialità gastronomiche del locale di Fabio Cerina, e l’esposizione dell’artista moscovita sarà arricchita da alcuni lavori di design artistico che ribadiscono la sua poetica legata anche al tatto.

Il secondo appuntamento artistico della giornata vede intensificarsi il sodalizio tra MAD e il Conservatorio Ottorino Respighi: in concomitanza con gli eventi musicali organizzati per La Festa della Musica, a cura di Riccardo Primitivo Fiorucci, dalle 15,30 i locali del Conservatorio di Via Ezio diventano una Galleria dedicata all’Arte Contemporanea. Maria Antonietta Scarpari espone tre installazioni fotografiche del ciclo artistico “Perché amo l’America e la Luna”. Sulle scale è allestito il “Gigante” di Giovanni Leonardi, ancora un’installazione di grande formato incentrata sul rapporto tra le arti visive, la musica e l’essere umano.

Nella sala conferenze il pubblico potrà visitare “BeArt !”, mostra di Elisa Goethals, una delle più giovani artiste di MAD. Nell’Auditorium, infine, è allestita la mostra fotografica di Paola Acciarino, “Florilegio e le Muse”, un progetto iniziato nel 2013 che pone l’accento sul legame tra il modo floreale e quello femminile.

Dalle 19,30 appuntamento ai “Gufi” in via Isonzo, dove la mostra “Money Money Honey” di Maria Antonietta Scarpari si arricchisce di quattro nuovi quadri dell’artista, sempre dedicati alla tematica del denaro.
La serata rientra nell’evento Domenica C’èn’Arte. Live acoustic music con il duo LatinAr, formato da Patrizia Pastore (voce e chitarra) e Marco Malagola (percussioni e armonica cromatica). Il concerto vedrà protagonista la musica di ricerca, che segue il “filo latino” che collega sonorità vicine, compatibili, simili, eppure lontane, straniere, differenti, del Sud del mondo, dal Brasile ai classici napoletani siciliani, fino a inediti che musicano le intense parole di poetesse come Goliarda Sapienza.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto