Sgominata banda che riciclava auto e scooter, quattro persone denunciate

Tra Latina e Nettuno magazzini pieni di ricambi rubati pronti per essere venduti

Sgominata dalla squadra volante la banda di insospettabili che riclicava auto rubate Latina 26 giugno 2015 - EdeDPhotos/Enrico de Divitiis/www.provincialista.it

26 giugno 2015 – EdeDPhotos/Enrico de Divitiis/www.provincialista.it

LATINA – Magazzini pieni di ricambi di auto e un sofisticato kit per ribattere le matricole, tutti  pezzi rubati e pronti per essere rivenduti. La scoperta, che ha permesso di sgominare una intera banda dedita al riciclaggio, è avvenuta questa mattina grazie alle indagini condotte dagli agenti della Polizia di Stato, impegnati in attività di contrasto alla criminalità sul territorio pontino. Blitz che ha portato alla denuncia con l’accusa di riciclaggio quattro persone, tra cui due insospettabili residenti nel capoluogo.

Tutto è partito dal controllo della squadra volante in un capannone sulla 148 Pontina nel comune di Latina dove era stata segnalata la presenza di uno scooter rubato qualche giorno prima. Gli agenti oltre al ciclomotore accuratamente celato all’interno della struttura, hanno trovato anche numerosi pezzi di auto di provenienza sospetta. Dai primi accertamenti si è riusciti a risalire al proprietario del magazzino che non ha saputo dare spiegazioni circa il materiale trovato, poi i riscontri investigativi supportati dalla polizia Stradale di Latina, hanno evidenziato il  possibile coinvolgimento di altre tre persone. A questo punto è scattato il blitz nelle relative proprietà che ha permesso di scoprire dei veri e propri magazzini di ricambi di auto. Riposti sugli scaffali e a terra numerosi pezzi di motore e di carrozzeria di auto, soprattutto Smart, alcuni già confezionati in scatole e imballati, centraline di grosso valore “tutto materiale molto costoso – si legge nella nota della Questura – e pronto per essere commercializzato”. Denunciati con l’accusa di riciclaggio R.O. dell’ 84 e C.E. dell’83 entrambi di Latina, P.M. del ‘57 di Nettuno e T.E. del 63 di Aprilia. E’ stato trovato anche un Bmw nuovo pronto per essere venduto. Sequestrati dalla polizia anche numerosi caricatori di armi trovati in casa di uno dei denunciati.

Le indagini hanno portato anche verso Nettuno dove sono attualmente in corso perquisizioni presso capannoni e garage.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto