guardia costiera

Controlli lungo la filiera della pesca: 70 chili di pesce sequestrato e 10mila euro di multa

Gaeta, il bilancio del servizio rivolto alla tutela dei consumatori di prodotti ittici

Controlli pesca 1GAETA – Sequestrati circa 70 chili di prodotti ittici di dubbia provenienza e multe per oltre 10mila euro tra gli esercenti del settore. E’ il bilancio dei controlli effettuati dagli uomini della Guardia Costiera di Gaeta negli ultimi giorni lungo tutto il territorio di giurisdizione per quanto riguarda la tutela dei consumatori.

I  controlli lungo la filiera della pesca sono stati svolti nei giorni precedenti sia presso ristoranti che diversi centri di distribuzione all’ingrosso e al dettaglio. I militari della Guardia Costiera hanno contestato alcune sanzioni amministrative in una tavola calda ubicata nel Comune di Sperlonga mentre oggi in mattinata una “task force” composta da personale della Capitaneria di Porto di Gaeta, dell’Ufficio Locale Marittimo di Formia, della Delegazione di Spiaggia di Scauri, della Stazione Carabinieri di Scauri, della Polizia Provinciale e del personale tecnico del Servizio AUSL del Dipartimento di prevenzione U.O.C. Servizio Veterinario Tutela igienico sanitaria degli alimenti di origine animale, ha operato presso le aree in cui viene svolto il mercato settimanale di Scauri, sottoponendo a controllo tutti gli operatori del settore. Alcune irregolarità rilevate in materia di rintracciabilità, tracciabilità ed etichettatura, e nella fattispecie per omessa indicazione di quelle informazioni necessarie a garantire la corretta commercializzazione dei prodotti, sono state sanzionate mediante la contestazione di sette illeciti amministrativi per un totale di circa 10.000 euro e sono stati sottoposti a sequestro circa 70 kg di prodotto ittico di dubbia provenienza. “I controlli – si legge nella nota della Capitaneria – verranno svolti nei giorni a seguire a tutela del consumatore, quando la richiesta di prodotto ittico cresce in concomitanza con l’aumento del turismo nella zona”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto