delitto in famiglia

Omicidio a Sezze, uccide il fratello a colpi di ascia

La vittima è Luciano Stirpe: 51 anni. Il delitto in località Le Fontane

Shares

Omicidio Sezze Luciano Stirpe

SEZZE – Una lite tra fratelli  per una questione eredità degenerata in un brutale omicidio.  Il violento episodio è avvenuto lunedì nel tardo pomeriggio a Sezze, in località  Le Fontane, a poca distanza dal campo sportivo e dalla caserma dei carabinieri. In base ai primi accertamenti un fratello  ha aggredito l’altro a colpi d’ascia. Il ferito è stato trasportato d’urgenza al Santa Maria Goretti di Latina, dove è deceduto. Le indagini sono affidate ai carabinieri del Comando Provinciale di Latina ma il quadro investigativo sembra essere molto chiaro.  In queste ore gli inquirenti, coordinati dal pm Giuseppe Bontempo, stanno ascoltando alcune persone per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.

IL MOVENTE A quanto pare i due fratelli da almeno un anno erano in pessimi rapporti per una storia di soldi, oggi pomeriggio la situazione è esplosa dopo un incontro avvenuto a poca distanza dalla frazione di Suso. La vittima dell’omicidio è Luciano Stirpe, 51 anni, molto conosciuto a Sezze, ucciso da un colpo di accetta sulla testa. Il fratello è stato fermato e su di lui pende l’accusa di omicidio volontario aggravato dal vincolo parentale. La vittima in passato era stata anche al centro di attività investigative della Questura e di misure di prevenzione legate al patrimonio che era finito sotto chiave, (tra cui Ferrari e altre auto e poi alcuni terreni che poi erano stati dissequestrati) aveva denunciato il fratello per calunnia e a breve in Tribunale era stata fissata un’udienza e proprio in questi giorni erano stati notificati i provvedimenti. Non è escluso che possa essere stata questa la miccia.

IMG-20150727-WA0003 (2)

I carabinieri sul luogo del delitto (Foto Radio Luna)

LA SCENA DEL CRIMINE L’omicidio è avvenuto in via Carizia, la vittima che gestiva  un’azienda di raccolta pigne è morta in ospedale mentre  Il fratello Giovanni, 46 anni, che in un primo momento è scappato, è andato nella Casa della salute di Sezze per farsi medicare ed è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Latina. Il magistrato inquirente nelle prossime ore disporrà una consulenza medico legale sulla vittima intanto l’arma del delitto è stata sequestrata.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto