L'INTERROGATORIO IN TRIBUNALE

Maestre sospese, solo una risponde al Gip: “Mi è scappata qualche parola, ma non ho mai picchiato un alunno”

Le due insegnanti avevano scritto un rapporto su un bambino che non riuscivano a gestire

Oprai ripuliscono le scritte sui muri piazza Dante

Oprai ripuliscono le scritte sui muri piazza Dante

LATINA – Solo una delle due maestre sospese per maltrattamenti nei confronti di bambini di quattro anni della scuola Mariele Ventre di Piazza Dante a Latina ha deciso questa mattina di rispondere alle domande del Gip Piepaolo Bortone che l’ha interrogata dopo aver emesso nei giorni scorsi l’ordinanza che dispone la misura interdittiva dal servizio per la durata di un anno. La collega si è invece avvalsa della facoltà di non rispondere.

La donna ha ridimensionato le accuse spiegando al giudice di non aver mai picchiato i bambini: “Al massimo ci può essere stato uno strattone perché qualcuno scappava “, ha assicurato la maestra. Quanto poi alle ingiurie, definite dagli investigatori e dallo stesso giudice minacciose e mortificanti per i piccoli alunni, l’educatrice ha sostenuto di aver detto “forse qualche parola non bella”, “mi è scappata  – ha aggiunto – ma solo quando ho perso la pazienza “. Lo scorso novembre le due maestre  avevano scritto una relazione su un bambino ritenuto problematico.

Ieri, dal canto suo,  il dirigente della scuola Luigi Orefice ha sostenuto di non aver mai saputo nulla dei matrattamenti, ma ha confermato di essere a conoscenza che la classe era troppo vivace e che le maestre lamentavano che alcuni elementi la rendevano ingestibile.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto