il convegno a san felice circeo

I prodotti dell’Agro pontino nella dieta mediterranea

L'ambiente dei cibi e gli effetti sulla salute e il benessere

SAN FELICE CIRCEO – I prodotti dell’Agro pontino nella dieta mediterranea. L’ambiente dei cibi e gli effetti sulla salute e il benessere. E’ il titolo del  V Convegno nazionale sul tema, un appuntamento in corso di svolgimento (oggi sabato 26 maggio) al Cinema Teatro Anna Magnani, su iniziativa dell’Accademia della Cucina Mediterranea presieduta da Franco Bruno e del Comune di San Felice Circeo. Un appuntamento annuale con gli esperti dell’alimentazione per affrontare i molteplici aspetti che riguardano il cibo, con un’attenzione particolare ai prodotti del territorio.  La novità di quest’anno è un viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta delle ricette che hanno
accompagnato la storia fin dal Rinascimento e che si cucinano ancora oggi.

Prima il saluto del sindaco Giuseppe Schiboni e un’introduzione di Paolo Porcelli dell’Accademia della Cucina Mediterranea, poi spazio ai professionisti della nutrizione e del trattamento dei cibi, per parlare di corretta condotta alimentare, delle scelte e delle abitudini più sane e di come possono influire in maniera incisiva sulle attività giornaliere e di come la giusta alimentazione possa trasformarsi in “medicina” anche per la prevenzione all’invecchiamento.
In primo piano nel convegno sono i criteri della produzione agricola dell’Agro Pontino e la qualità dei cibi locali, nella consapevolezza che le prime fonti di sicurezza sono l’habitat e le tecniche di coltivazione o allevamento, oltre che i metodi di imballaggio e conservazione, secondo metodi ai quali va data la massima trasparenza.
I comportamenti che determinano la qualità e la genuinità del cibo con effetti positivi sulla persona percorrono l’intera filiera, dalla produzione a basso uso di fitofarmaci alla giusta cottura che non ne alteri le caratteristiche, al giusto abbinamento per un effetto curativo mirato. Da non trascurare il ruolo del vino nell’equilibrio salutistico.
Ne parlano Gaetano Benedetto, direttore del WWF Italia e presidente del Parco Nazionale del Circeo, Giovanni Aquino dottore in Scienze agrarie e funzionario dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio, Lucia Tassi geriatra e nutrizionista, Bruno Fiorini consulente agroalimentare, la biologa nutrizionista Mariagrazia Devastato, Michele Stocola Giurista e Consulente della Sicurezza Alimentare, Barbara Palombo Master Sommelier della Fis e il giornalista e scrittore Umberto Natoli.

Chiuderà l’evento, coordinato dalla giornalista Marina Testa, una degustazione di piatti tipici proposti da Associazioni e ristoratori locali con prodotti dell’Agro pontino.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto