al mare

“Giornata del Nuoto e della Sicurezza Acquatica” martedì a Gaeta

La manifestazione si terrà sulla spiaggia di Serapo

GAETA – Con l’arrivo della stagione estiva, la Federazione Italiana Nuoto organizza, insieme al Comune di Gaeta, la “Giornata del Nuoto e della Sicurezza Acquatica”, che si svolgerà nell’ambito del progetto “Per evitare un mare di guai” promosso per salvaguardare la vita umana, attraverso la diffusione della cultura dell’acqua, delle discipline natatorie e assicurando la formazione e l’aggiornamento degli assistenti bagnanti che controllano le coste italiane.
Il fulcro dell’evento è in programma martedì 5 giugno presso la spiaggia di Serapo (Gaeta), fronte Hotel Mirasole, dalle ore 11.30 alle ore 13.30, con la simulazione di un’esercitazione di soccorso attraverso l’ausilio di pattini, unità cinofile, moto d’acqua, mezzi navali ed elicottero.
L’esibizione di “Per evitare un mare di guai” s’inserisce in un contesto di tre giorni e coinvolgerà in convegni ed approfondimenti, rappresentati istituzionali, delle Capitanerie di Porto, della Protezione Civile, della Guardia Costiera e delle federazioni italiana, europea e mondiale.
“In Italia ci sono 70.000 assistente bagnanti per 7.500 km di costa e 5 milioni di praticanti – sottolinea il presidente Paolo Barelli – Il tema della sicurezza acquatica è primario per la federazione. Noi sappiamo come formare gli assistente bagnanti, ma il nostro compito è anche educare la cittadinanza. Bisogna avere rispetto e fiducia del mare e degli specchi d’acqua e nel contempo alimentare la percezione del pericolo e la prevenzione assicurando la diffusione di strumenti al servizio della sicurezza. Con questa manifestazione desideriamo sensibilizzare le istituzioni, affinché ogni specchio d’acqua sia controllato da professionisti ben addestrati. La nostra è una funzione educativa, è il cosiddetto salvamento didattico. Mettiamo a disposizione della collettività la nostra professionalità con l’obiettivo di vivere con serenità e coscienza ogni attività in acqua”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto