NOTTE DI FUOCO AL LIDO
Show a Foce Verde
Come cambia la viabilità

fuochi-dartificio

LATINA – E’ giunta alla nona edizione la manifestazione denominata <Vivere il Mare> organizzata dall’Associazione Riviera di Latina. La kermesse che ormai è diventata un appuntamento tradizionale con l’estate si sviluppa in diversi appuntamenti sociali grazie ad una serie di momenti di attrazione e svago sia per i turisti che i residenti. Il momento clou sarà oggi 30 agosto alle 22 con la chiusura dell’edizione 2013 e uno spettacolo pirotecnico. <Notte di fuoco> che si svolgerà sulla spiaggia di piazza Foce Verde. L’anno scorso sono state oltre 20mila le persone che hanno animato il Lungomare. Le previsioni degli organizzatori per quest’anno sono almeno il doppio. Il presidente dell’Associazione Tonino Castegni consiglia di raggiungere il Lungomare in largo anticipo rispetto all’orario ufficiale.

COME CAMBIA LA VIABILITA’ –  per permettere il regolare svolgimento della manifestazione “Notte di fuoco”, patrocinata dal Comune di Latina con i tradizionali fuochi d’artificio a mare, saranno interdette al traffico e alla sosta le seguenti strade cittadine per il periodo specificato.

ISTITUZIONE del Divieto di Circolazione e sosta, per tutti gli autoveicoli e tutti i ciclomotori, escluso gli autorizzati, dalle ore 19.00 del giorno 25 agosto 2013 (rimandata al 30 agosto) e fino al termine della manifestazione (con eventuale rimozione) nel tratto stradale compreso tra traversa Pantelleria e piazzale Foce Verde.
Le auto provenienti da Nettuno – via Valmontorio, saranno deviate sulla parte di via Valmontorio adiacente la ex centrale nucleare.
Solo per la traversa Pantelleria ci sarà il senso unico esclusivamente per l’entrata al parcheggio Vasco De Gama.
Si raccomanda il rispetto della segnaletica e, per quanti interessati, di arrivare sul posto con buon anticipo rispetto all’inizio della manifestazione per questioni di sicurezza legate anche al passaggio dei mezzi di soccorso.
L’intera zona sarà pattugliata dagli uomini della Polizia Locale e della Protezione civile.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto